Economia
Settore eno-gastronomico

Soldi della Regione Piemonte alle aziende vinicole: stanziati 3,8 milioni di euro

L'ente guidato dal presidente Alberto Cirio ha stanziato un bel gruzzolo per la promozione delle attività di eccellenza nostrane.

Soldi della Regione Piemonte alle aziende vinicole: stanziati 3,8 milioni di euro
Economia Torino, 08 Ottobre 2021 ore 13:34

Pioggia di soldi sulle aziende viti vinicole del Piemonte: la Regione ha stanziato ben 3,8 milioni di euro a sostegno del comparto enologico piemontese per azioni di investimento.

L’Assessorato regionale all’Agricoltura ha aperto proprio oggi (venerdì 8 ottobre 2021) il bando con una dotazione di 2,7 milioni di euro per la campagna 2021-22, rivolto alle aziende vitivinicole per la richiesta di contributi della spesa sostenuta, da 20mila euro fino ad un massimo di 350mila euro. La misura finanzia opere di natura edilizia e acquisto immobili, acquisto di attrezzature e impianti, acquisto di attrezzature informatiche e relativi programmi e piattaforme per punti vendita aziendali sia all’interno che all’esterno delle unità produttive di trasformazione e conservazione. Passano nel provvedimento anche sale di degustazione, investimenti per materiali per l’esposizione e vendita dei prodotti vitivinicoli, compresa la degustazione.

Il bando pubblicato sul sito della Regione Piemonte scadrà il 15 novembre.

Inoltre la Giunta regionale ha assegnato oltre 1milione di euro destinati al saldo dei progetti biennali presentati per l’annualità 2020-21. Come sottolineano il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio e l’assessore all’Agricoltura Marco Protopapa, oltre al bando aperto sulla misura Ocm vino per la promozione dei vini piemontesi di qualità nei paesi extra europei, proseguono gli aiuti al settore vitivinicolo attraverso ulteriori incentivi per investimenti che possano rendere le aziende piemontesi competitive sui mercati. Pioggia di soldi quindi per le aziende vinicole della regione Piemonte: speriamo che sia una svolta in positivo per tutti gli imprenditori del settore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Sciopero lunedì 11 ottobre: i No Tav con i No Green pass