torino

Sette consiglieri indagati: il futuro di Fondazione Crt sempre più incerto

L’inchiesta è stata aperta dopo l’esposto dell’ex segretario generale Andrea Varese per il presunto "patto occulto"

Sette consiglieri indagati: il futuro di Fondazione Crt sempre più incerto
Pubblicato:
Aggiornato:

Sarebbero sette i consiglieri della Fondazione Crt indagati per interferenze illecite sull’assemblea dell’ente dalla Procura di Torino.

L'inchiesta

L’inchiesta è stata aperta dopo l’esposto dell’ex segretario generale Andrea Varese per il presunto "patto occulto" e si è sviluppata attraverso  diverse perquisizioni nelle abitazioni e negli uffici degli indagati, ma non nella sede della Fondazione.

Sotto la lente, quindi il "patto occulto" che prevedeva, tra le altre cose, l’obbligo di consultazione preventiva tra alcuni consiglieri per incidere sulle decisioni degli organi di governance dell’ente. La vicenda è già da tempo oggetto di attenzione da parte del Mef cui spetta l’ultima parola sul futuro della Fondazione, riguardo al quale non si esclude l’ipotesi di commissariamento anche perché con il passare delle ore la nomina sembra sempre più in forse.

Le indicazioni sulla presidenza

Il nome di Anna Maria Poggi era stato fatto a inizio maggio dal consiglio di indirizzo e nella riunione convocata per martedì 21 maggio si sarebbe dovuto procedere alla ratifica della nomina. Ma il presidente ad interim Irrera aveva invece convocato il consiglio di amministrazione per chiedere lo stop al voto, in attesa che il Ministero delle Finanze potesse esaminare la documentazione inviata dall'ex presidente sulle presunte irregolarità avvenute all'interno dell'ente.

Le dimissioni di Varese e Palenzona

Un mese fa quattro consiglieri su sette avevano chiesto la revoca del mandato di Varese. Andrea Varese, segretario generale da luglio 2023, ex manager Unicredit voluto dal presidente Fabrizio Palenzona, era stato contestato dal consiglio di amministrazione per avere segnalato all'autorità di vigilanza del Mef, senza prima informarlo, l'esistenza di un "patto occulto" all'interno della fondazione per decidere e orientare le nomine. Non era però l'unica critica che i consiglieri facevano al nuovo vertice, accusato di essere estraneo alle dinamiche cittadine: nel mirino c'erano, in particolare, alcuni investimenti non condivisi come quello nelle vigne alessandrine.

Ad un giorno dalle dimissioni di Andrea Varese si dimetteva anche il Presidente della Fondazione Crt (Cassa risparmio Torino) Fabrizio Palenzona . Coinvolto in passato in numerose inchieste ma poi sempre assolto, Palenzona ha affermato di non essere disponibile a "compromessi su etica e legalità".

Di cosa si occupa la Fondazione

La Fondazione CRT (Cassa di Risparmio di Torino) è una fondazione di origine bancaria che ha sede in in Via XX Settembre a Torino.
È persona giuridica privata, senza fine di lucro, dotata di piena autonomia statutaria e gestionale.

La Fondazione persegue esclusivamente scopi di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico, orientando la propria attività e destinando risorse nei settori della ricerca scientifica, dell'istruzione, dell'arte, della conservazione e valorizzazione dei beni e delle attività culturali e dei beni ambientali, della sanità e dell'assistenza alle categorie sociali deboli. Il territorio di operatività della Fondazione è costituite prevalentemente dal Piemonte e dalla Valle d'Aosta.

Operativamente la Fondazione CRT eroga contributi liberali a enti ed organizzazioni non profit, compresi gli enti religiosi e gli enti pubblici. Per svolgere questa attività la Fondazione CRT esamina le domande pervenute dalle organizzazioni sul territorio. Per organizzare la propria attività la Fondazione adotta il metodo della programmazione annuale e pluriennale che definisce termini e criteri per la selezione delle domande. Nel Documento di programmazione annuale vengono definite le risorse destinate a ciascun settore, le priorità di intervento in ciascuna area, i progetti che la Fondazione ogni anno propone e i criteri da tenere in considerazione per l'istruttoria delle domande pervenute.

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali