CORSO VERCELLI

Armato di pistola minaccia il titolare di un bar poi si barrica in casa

Dopo due ore e mezza di trattative il 50enne è uscito dall'abitazione volontariamente consegnandosi alle autorità: l'arma è risultata una pistola giocattolo

Armato di pistola minaccia il titolare di un bar poi si barrica in casa
Pubblicato:

Momenti di tensione nel pomeriggio di ieri, in Corso Vercelli, dove un cinquantenne italiano, già noto alle forze dell'ordine, ha minacciato un barista con una pistola giocattolo dopo un acceso litigio.

Minaccia il barista

Tutto è iniziato intoro alle ore 16, quando il 50enne, residente in Corso Vercelli 137 a Torino, è rientrato nella propria abitazione dopo un alterco con il proprietario di un bar della zona, scatenato da futili motivi. Una volta al sicuro nel suo appartamento al primo piano, l'uomo ha continuato a minacciare il barista dal balcone, impugnando quella che sembrava una pistola.

Arrivano i carabinieri

Sul posto sono intervenuti prontamente i militari del nucleo radiomobile, l'arma territoriale, i negoziatori, il reparto operativo e il gruppo di pronto intervento (Api). La situazione, inizialmente critica, è stata gestita con grande professionalità dai negoziatori e dai militari del radiomobile.

Grazie a un delicato dialogo condotto dal negoziatore, l'uomo è stato persuaso ad arrendersi senza che fosse necessario l'uso della forza. L'operazione si è conclusa con successo intorno alle 18.15, quando il cinquantenne è uscito dall'abitazione volontariamente, consegnandosi alle autorità.

Una pistola giocattolo

Solo dopo la resa si è scoperto che la pistola brandita dall'uomo era in realtà un giocattolo. L'uomo, visibilmente agitato, è stato immediatamente trasportato all'ospedale Giovanni Bosco per accertamenti e per ricevere le cure necessarie. Sembra sia affetto da con problemi psichiatrici e che abbia alle spalle guai con la giustizia per questioni di droga.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali