COLLEGNO

La colf comunica di volersene andare, i datori di lavoro la investono in auto

La coppia, 53 e 43 anni, è stata arrestata con l'accusa di tentato omicidio

La colf comunica di volersene andare, i datori di lavoro la investono in auto
Pubblicato:
Aggiornato:

Tentato omicidio a Collegno: donna investita dai datori di lavoro ricoverata in gravi condizioni al Cto. Coppia arrestata.

Tentato omicidio a Collegno

Una donna di circa 50 anni è stata vittima di un tentato omicidio nella tarda serata di ieri, lunedì 3 giugno 2024, a Collegno. La donna, che stava portando a spasso il cane, è stata investita da un'auto mentre si trovava in viale XXIV Maggio.

Investita dai datori di lavoro

Le indagini dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Rivoli hanno appurato che si è trattato di un atto premeditato. La donna, infatti, sarebbe stata investita volontariamente dalla vettura dei suoi datori di lavoro, un uomo italiano di 53 anni e una donna italiana di 43 anni, presso i quali lavorava come collaboratrice domestica. A quanto pare, la vittima aveva recentemente comunicato ai due di voler lasciare il lavoro.

La coppia non avrebbe accettato la sua decisione della donna e ieri sera si è fatta trovare sotto la sua abitazione per convincerla a restare. Ricevuto il rifiuto, marito e moglie sono saliti in macchina e hanno investito la 50enne che si trovava sul marciapiede. Alla guida dell'auto vi sarebbe stato l'uomo.

Coppia arrestata

Dopo l'aggressione, alcuni testimoni hanno allertato i soccorsi e hanno fornito agli inquirenti il modello dell'auto che, nel frattempo, si era allontanata dal luogo del delitto. I Carabinieri hanno rintracciato il veicolo poco dopo nel comune di Rivoli e hanno poi arrestato la coppia con l'accusa di tentato omicidio aggravato dalla premeditazione.

In gravi condizioni

La collaboratrice domestica, soccorsa dal 118, è stata trasportata all'ospedale Cto di Torino dove è ricoverata in gravi condizioni con una prognosi di circa tre mesi, non è in pericolo di vita. Le indagini dei Carabinieri sono in corso per ricostruire i fatti nel dettaglio e per accertare eventuali altri responsabili.

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali