Menu
Cerca
Piazza d'Armi

Picchetto anti-degrado: Fratelli d'Italia contro i rom

I seguaci della Meloni se la son presa anche con la sindaca Appendino per la scelta di incentivare gli "stanziali".

Picchetto anti-degrado: Fratelli d'Italia contro i rom
Politica Torino, 24 Maggio 2021 ore 11:03

Fratelli d'Italia contro l'invasiva presenza dei rom: picchetto anti-degrado in Piazza d'Armi.

Un momento della manifestazione

Contestazione pacifica

La modalità di protesta è stata improntata ad una contestazione pacifica, esponendo uno striscione e sventolando bandiere. I seguaci della Meloni se la sono presa anche e soprattutto con la sindaca Chiara Appendino per la decisione di garantire sovvenzioni alle famiglie nomadi che scelgono di stanziarsi in modo fisso. In particolare, però, adesso risulta praticamente "occupata" l'area camper adiacente la piazza (e molti residenti si lamentano). Lo striscione esposto recitava: “Basta degrado, riprendiamoci il quartiere". Nel corso della manifestazione, i militanti hanno mostrato finte banconote da 1.000 euro per contestare la scelta del Comune di Torino di dare questa cifra ai nuclei di rom che si fossero impegnati ad abbandonare il nomadismo.

Il caso di via Germagnano

Così il portavoce Enrico Forzese:

"Siamo scesi in piazza oggi per denunciare la situazione della presenza di abusivi di etnia rom, ormai diventata intollerabile, in numerose parti della nostra città. Da settembre ci battiamo per ottenere lo sgombero dell’area camper di Piazza d’Armi, occupata da una quarantina di nomadi, ma il Comune ancora non è intervenuto. Dallo sgombero di via Germagnano, a suon di mazzette da mille euro elargite dal Comune, i problemi si sono diffusi in tutta la città. Dagli alloggi Atc occupati ai campi degli abusivi. I mille euro, anziché darli ai nomadi per portare il degrado in giro per Torino, avrebbero dovuto darli ai cittadini torinesi in difficoltà economica".

E il politically correct?

Forzese e i suoi invitano poi la città della Mole a resistere per non piegarsi al cosiddetto "pensiero unico" che, soffocando le opinioni in nome del politically correct, rischia di far perdere di vista diritti e priorità di una società plurale. Torino, secondo Fratelli d'Italia, dovrebbe rialzare la testa e dire basta al "finto buonismo umanitario propagandato da Appendino e dalla sinistra". Insomma: chi delinque, chi porta degrado e non si vuole integrare secondo Fd'I dovrebbe abbandonare il territorio della città. Ecco quindi uno dei motivi che hanno spinto i manifestanti a organizzare questo picchetto anti-degrado contro i rom.