Ristoratori sulle barricate

Protesta #Ioapro1501 a Torino: trattoria chiusa e sanzionata, i clienti organizzano una colletta per la proprietaria

La chef Francesca in lacrime: "Non ho più niente da perdere, in banca sono in rosso".

Protesta #Ioapro1501 a Torino: trattoria chiusa e sanzionata, i clienti organizzano una colletta per la proprietaria
Economia Torino, 15 Gennaio 2021 ore 22:21

E' finita con una sospensione dell'attività per cinque giorni, la protesta #Ioapro1501 per la trattoria Cerere di via Legnano, nel quartiere Crocetta, uno dei ristoranti di Torino che ha aderito all'iniziativa nazionale contro le restrizioni Covid.

LEGGI ANCHE: #Ioapro1501: i ristoranti e bar aperti per protesta venerdì 15 gennaio a Torino e in provincia

 

Protesta #Ioapro1501 a Torino: trattoria chiusa

Dalla nostra inviata nel quartiere Crocetta, Silvia Venezia

Tutto era pronto, i fornelli già caldi, i clienti, che avevano tutti prenotato, già pregustavano le portate preparate da Francesca, la proprietaria. E invece la cena è finita ancor prima di cominciare: l'intervento della Questura ha disposto la chiusura immediata del locale e la sospensione della licenza per i cinque giorni a venire.

I clienti organizzano subito una colletta

Ma gli avventori non ci sono stati, e subito hanno organizzato una colletta per sostenere il locale, malgrado siano stati anche loro multati.

"Pagherò la cena comunque, anche se non l'ho consumata - ha annunciato una signora - Del resto avevano nei frigoriferi tutto il cibo che avevano comprato! Ho sempre cercato di essere una cittadina onesta e corretta, se poi lo Stato non lo è, peggio per lui".

La proprietaria: "Non ho più nulla da perdere".

La protesta era stata organizzata attraverso Internet nel corso della settimana. Ristoratori e baristi, considerando le restrizioni del Dpcm “illegittime”, avevano deciso di tenere aperti i loro locali violando intenzionalmente le limitazioni Covid e mettendo in conto anche una multa: una ribellione consapevole, insomma.

"Non ho più niente da perdere, in banca sono in rosso... - ha detto la proprietaria Francesca, commossa, a cronisti e clienti fuori dal locale - Ringrazio tutti, i clienti ci hanno risposto in tantissimi e sono stati tutti fantastici. Ringrazio Dio che il mio compagno lavora, altrimenti a questo punto sarei per strada".

5 foto Sfoglia la gallery

LEGGI ANCHE: Bar aperto dopo le 18 a Chivasso, il blitz dei carabinieri LE FOTO

LEGGI ANCHE: #ioapro: Sanremo, ristoratore aderisce alla protesta e arrivano le forze dell’ordine

LEGGI ANCHE: In diretta a La Zanzara dice di essere in un ristorante aperto, Parenzo chiama la Polizia

LEGGI ANCHE: Multato e chiuso per 5 giorni il “Belvedere da Bosio” aderente alla protesta #ioapro