ambiente

La Giunta Appendino stanzia 750mila euro per la messa in sicurezza del territorio collinare e fluviale

Gli interventi verranno realizzati a partire da fine 2021.

La Giunta Appendino stanzia 750mila euro per la messa in sicurezza del territorio collinare e fluviale
Economia Torino, 06 Novembre 2020 ore 10:28

Approvato un progetto di interventi sul dissesto collinare e spondale: a dare la notizia è il sindaco di Torino Chiara Appendino, che condividendo un post sui social spiega quali sono gli interventi previsti. La Giunta comunale ha stanziato 750mila euro per la messa in sicurezza del territorio collinare e fluviale: il lavori dovrebbero partire alla fine del 2021.

750mila euro per la messa in sicurezza del territorio

Il territorio della città di Torino, attraversato da quattro fiumi e per un quinto collinare, è caratterizzato da notevole fragilità e complessità sotto il profilo morfologico e geologico. Le aree collinari e spondali necessitano, quindi, di specifici interventi manutentivi e di conservazione per il contenimento dei frequenti dissesti, smottamenti ed erosioni torrentizie, in costante evoluzione.
Per risolvere le problematiche più evidenti ed urgenti, la Giunta Comunale ha approvato ieri, martedì 3 novembre, una delibera con cui sono stati stanziati 750.000 euro per la messa in sicurezza del territorio collinare e fluviale. Si tratta di opere di ingegneria naturalistica volte alla risoluzione dei processi erosivi in corso, al ripristino della rete di raccolta delle acque superficiali e alla risistemazione della viabilità forestale interna ai parchi.
In particolare sono state prese in esame due aree fortemente compromesse dal punto di vista del dissesto idrogeologico: il Parco della Maddalena (in collina) e il Parco del Fioccardo (sulla sponda destra del Po, a sud, verso il confine con Moncalieri).

Gli interventi previsti

Nel primo caso sono previsti interventi sulla rete sentieristica minore dell’Arboretum Taurinense del Parco della Rimembranza (la parte più alta del Parco della Maddalena) e del Parco delle Repubbliche Partigiane Piemontesi (ampliamento più in basso del precedente, fino al Quadrivio Raby), compreso il “Sentiero dei Boschi” che collega con il Parco di San Vito. Si tratta di interventi in continuità con quanto già realizzato negli anni 2018/2020 per mitigare gli effetti dell’erosione superficiale, con realizzazione di taglia acque e risistemazione del sistema di raccolta di acque piovane.
Nel Parco del Fioccardo, interessato dall’alluvione dell’ottobre 2016, i lavori prevedono il ripristino della percorribilità della pista ciclabile ed un primo consolidamento della sponda nelle zone più compromesse, con opere di contenimento, oltre alla sostituzione di due passerelle ciclopedonali: una presente sul rio Sappone, divelta dall’ultima ondata di piena, e una di fronte all’ex Sisport (all’altezza del civico 340 di corso Moncalieri, foto in allegato).
È inoltre previsto un intervento nel Parco del Meisino (sempre in sponda destra del Po), con la sostituzione della passerella di collegamento, ormai degradata, tra i comuni di Torino e San Mauro.
Sono infine previsti interventi su vari dissesti diffusi sul territorio collinare e fluviale delle circoscrizioni 7 e 8, in particolare nelle seguenti località: Villa Rey lato strada della Lauretta, Parco Leopardi e Parco San Vito.
Gli interventi verranno realizzati a partire da fine 2021 una volta espletate le ulteriori fasi di progettazione e di appalto.

LEGGI ANCHE:

Politica: la Giunta Appendino “attaccata” a Forza Italia

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Pazienti Covid per terra in ospedale: video shock

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità