Camera di Commercio di Torino

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, pronte due panchine-simbolo

Il 25 novembre 2020 è la Giornata Mondiale contro la violenza sulle donne. Le panchine saranno posizionate nella sala d’attesa di Palazzo Affari e nel cortile di Palazzo Birago.

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, pronte due panchine-simbolo
Cultura Torino, 23 Novembre 2020 ore 16:48

Violenza sulle donne, una piaga da sconfiggere una volta per tutte. Sembra l’uovo di colombo: rispettare le donne in quanto persone, difenderle e trattarle bene. Invece, purtroppo, ogni giorno ci sono notizie di maltrattamenti o (peggio) odiosi episodi di violenza. La Camera di commercio di Torino ha deciso di fare qualcosa in concreto per sensibilizzare l’opinione pubblica su questo delicato tema: due panchine contro la violenza sulle donne.

Giornata contro la violenza sulle donne

La Camera di Commercio di Torino celebra il 25 novembre 2020, giornata mondiale contro la violenza sulle donne, con la conferenza gratuita online (su Webex) dalle 16 alle 17.30, il cui titolo sarà “L’occupazione e l’imprenditoria femminile: strumenti contro la violenza e la discriminazione sul lavoro”. Durante il collegamento è prevista l’inaugurazione del roadshow “Giro d’Italia in rosa, l’Italia che riparte è più donna”, promosso da Unioncamere italiana in collaborazione con i Comitati per l’Imprenditoria Femminile (Cif). Se ne parlerà con Tiziana Pompei, di Unioncamere Italiana, mentre con le presidenti del Cif di Torino Cristina Tumiatti e del Cif di Milano Marzia Maiorano si parlerà del manifesto “L’Italia che riparte è più donna”.

Un efficace Protocollo d’intesa

Il tutto per dare ampio risalto al ruolo, alle capacità, alle competenze ed ambizioni che le donne possono avere nel promuovere la rinascita e lo sviluppo dell’economia nazionale, in una situazione di crisi provocata dalla pandemia. Poi il Presidente della Camera di commercio Dario Gallina presenterà il Protocollo d’intesa sul rilancio dell’occupazione femminile.

“Il Protocollo è aperto a tutti gli enti e associazioni che operano nel settore – commenta Dario Gallina – I dati a fine 2019 davano già un calo del 1,2% delle posizioni imprenditoriali riconducibili alle donne e ora, nel pieno della pandemia, saranno peggiori. Dobbiamo quindi pensare subito a concretizzare un rilancio dell’occupazione femminile, anche attraverso la formazione digitale che può dare maggiori sicurezze alle donne. Ovviamente nell’ottica di evitare discriminazioni sul lavoro”.

Due panchine contro la violenza

Attenzione alla sfera professionale e lavorativa, dunque, ma non solo. Perché purtroppo, spesso, le donne vivono situazioni ben più gravi rispetto alla parità di genere: sono picchiate, minacciate, oggetto di violenza. E proprio per ricordare che, come si diceva un tempo, “le donne non si picchiano nemmeno con un fiore” ecco l’iniziativa delle panchine rosse. La panchina rossa è il simbolo della lotta contro il femminicidio e più in generale contro la violenza sulle donne. Trae origine da “posto occupato”, una campagna di sensibilizzazione destinata a ricordare che quel posto (al cinema, a teatro, su una panchina) sarebbe occupato da una donna che, a causa di un atto di violenza, ora non c’è più. Le due panchine contro la violenza sulle donne, saranno nella sala d’attesa di Palazzo Affari e nel cortile di Palazzo Birago: vogliono ricordare tutte queste vittime e rendere nota l’importanza del numero verde 1522.

Gli “Stati generali delle donne”

Il progetto nasce dall’adesione della Camera di commercio di Torino all’iniziativa promossa dal movimento “Stati generali delle donne”. Esso struttura in maniera permanente iniziative e progetti sulla violenza contro le donne, le molestie e le discriminazioni sul lavoro, in collaborazione con tutte le associazioni rappresentante nel Comitato imprenditoriale femminile e con altri enti, istituzioni e associazioni. Tra questi c’è anche il Cug (Comitato Unico di Garanzia) per le pari opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora e contro le discriminazioni. Nella speranza che, finalmente, le donne di tutto il mondo non debbano mai più essere maltrattate, violentate e neppure denigrate in alcun modo!

LEGGI ANCHE: Sequestra per ore una escort di lusso. Lei torna col protettore…

Violenza sulle donne, arrestato marito “picchiatore”

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità