Indagano i Carabinieri

Assalto No Vax all'hub vaccinale di Moncalieri

Il sindaco Paolo Montagna indignato, ma ringrazia comunque i tanti volontari che si danno da fare e i giovani che scelgono di immunizzarsi.

Assalto No Vax all'hub vaccinale di Moncalieri
Cronaca Torino, 16 Agosto 2021 ore 10:48

Assalto No Vax all'hub vaccinale di Moncalieri: ignoti teppisti pseudo-libertari hanno imbrattato i muri e l'asfalto davanti alla struttura pubblica dove vengono somministrate le vaccinazioni anti Covid.

Vernice di colore rosso

La vernice spray è di colore rosso e le frasi recitano più o meno il concetto condiviso da questa frangia di "disobbedienti ad ogni costo" che si riuniscono dietro il nome generico di No Vax. Cose tipo "Il vaccino uccide" sembrano uscire dalla peggior retorica complottista, invece pare sia un concetto che trova adepti anche in Piemonte. E a Moncalieri in particolare, dove il raid ha mosso le coscienze e diviso le opinioni. Quasi unanime la condanna dell'accaduto, a partire dal sindaco Paolo Montagna che si è espresso pubblicamente su Facebook in questi termini:

"Questa mattina ci siamo svegliati così: il vaccino contro il Covid c’è, è sicuro e salva la vita. Quello contro l’ignoranza, purtroppo, non è stato ancora scoperto. Per verificare i fatti, ho partecipato con la Polizia Locale al sopralluogo presso il nostro PalaVaccini, imbrattato da scritte e simboli No Vax. Ringrazio gli uomini della Stazione dei Carabinieri di Moncalieri, che sono tempestivamente intervenuti avviando la denuncia contro ignoti e che ora stanno visualizzando le immagini delle telecamere per individuare i responsabili. Ma la risposta migliore l’hanno data i tanti ragazzi e cittadini che ho visto questa mattina fare la coda per il vaccino. E la squadra del PalaVaccini, sempre presente e operativa, anche a Ferragosto. Avanti Insieme!".

Il reato è "deturpamento"

L'hub vaccinale di Moncalieri è allestito nell'area dell'ex foro boario della città alle porte di Torino e non è di piccole dimensioni. I Carabinieri sono al lavoro per individuare i responsabili, anche attraverso l'analisi delle immagini delle telecamere di sicurezza. Non è escluso che si possano intravvedere i soggetti responsabili del raid, anche se le immagini saranno poco illuminate e probabilmente di definizione non ottimale. Per di più questa gente di solito si travisa con felpe e cappucci calati in testa... Insomma sarà molto difficile riconoscere proprio esattamente chi ha compiuto il gesto. Resta da dire che  in definitiva il reato perseguibile sarebbe il semplice deturpamento, visto che il "contenuto" della scritta spray non cambia la gravità del reato (a meno che si tratti di apologia del Fascismo). La pena prevista per questa fattispecie è la multa di 103 euro oltre al ripristino dello stato precedente (riverniciare il muro). Questo dunque lo stato dei fatti per quanto riguarda l'assalto No Vax all'hub vaccinale di Moncalieri.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Muore a 19 anni per shock anafilattico