Nuova protesta

Ancora lacrimogeni contro i manifestanti No Tav in Valle di Susa

Dopo l'assemblea, il corteo verso il presidio permanente dei Mulini, ma i manifestanti si sono ritrovati di fronte uno sbarramento.

Val Susa, 23 Giugno 2020 ore 09:15

Torna in primo piano l’Alta Velocità Torino-Lione: è riesplosa la protesta e con essa anche i lacrimogeni contro i manifestanti a Giaglione, in Valle di Susa.

GUARDA IL FILMATO:

Nuova protesta No Tav in Valle di Susa

Nel giorno in cui Telt ha iniziato I lavori di ampliamento del cantiere di Chiomonte, finalizzati all’avvio dei lavori connessi alla realizzazione del tunnel di base, il movimento No Tav è tornato a protestare.

Circa 200 attivisti si sono ritrovati a Giaglione, in valle di Susa. Dopo l’assemblea, il corteo verso il presidio permanente dei Mulini, ma i manifestanti si sono ritrovati di fronte uno sbarramento.

Alcuni attivisti hanno cercato di entrare nella zona interdetta che porta al cantiere e la Polizia ha lanciato alcuni lacrimogeni, altri invece sono riusciti a raggiungere lo stesso il presidio permanente in val Cerea, passando attraverso i boschi.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità