Menu
Cerca
il progetto di umanizzazione

Al Regina Margherita arriva la Dottoressa Giraffa e l'ospedale fa un po' meno paura

Si tratta di un macchinario radiologico portatile pensato apposta per rendere l’esperienza della diagnostica radiologica più a misura di bambino.

Al Regina Margherita arriva la Dottoressa Giraffa e l'ospedale fa un po' meno paura
Cronaca Torino, 23 Dicembre 2020 ore 15:40

DiaSorin e Progetto per gli Ospedali & l’Infanzia hanno donato oggi all’ospedale infantile Regina Margherita della Città della Salute di Torino la “Dottoressa Giraffa”, un macchinario radiologico portatile personalizzato per raffigurare una giraffa amica e rendere l’esperienza della diagnostica radiologica più a misura di bambino.

L'umanizzazione degli ospedali pediatrici

L’esigenza di un nuovo macchinario a servizio dei più piccoli è stata evidenziata dal dottor Gianpaolo Di Rosa, Direttore della Radiologia dell’ospedale Regina Margherita, a Progetto per gli Ospedali & l’Infanzia, anche conosciuto come Progetto Pinocchio, che ha coinvolto nuovamente DiaSorin nel suo terzo progetto di umanizzazione degli ambienti ospedalieri pediatrici in Italia. La Dottoressa Giraffa aiuterà a gestire il periodo di emergenza causato dal COVID che il reparto di radiologia sta vivendo, sostituendo l’attuale macchinario radiologico portatile ormai obsoleto. L’appello per l’acquisto di un macchinario radiodiagnostico a misura di bambino in questo difficile periodo causato dal COVID ha trovato una pronta risposta da parte di Progetto per gli Ospedali & l’Infanzia.

 

Meno paura, più definizione

La nuova apparecchiatura consentirà una migliore definizione delle immagini radiologiche e garantirà una netta riduzione della dose di raggi erogata ai bambini. La vestizione amichevole del macchinario consentirà inoltre di ridurre le paure di questi ultimi nei confronti di macchinari talvolta “spaventosi” ai loro occhi. La Dottoressa Giraffa sostituirà macchinari obsoleti e permetterà di migliorare anche l’approccio radiologico ai piccoli pazienti ricoverati nei reparti COVID. Si tratta quindi, come dichiarato dalla professoressa Franca Fagioli, Direttore Dipartimento Patologia e cura del bambino “Regina Margherita” della Città della Salute di Torino, di un'iniziativa importantissima perché in grado di coniugare innovazione tecnologica ed umanizzazione, punti cruciali nella cura e nella presa in carico dei piccoli pazienti.

DiaSorin e Progetto Pinocchio

Il progetto di umanizzazione degli ambienti ospedalieri è nato nel 2016 quando DiaSorin e Progetto Pinocchio hanno finanziato il restyling estetico e cromatico della sala TAC dell’ospedale Regina Margherita di Torino, trasformando gli ambienti in un accogliente bosco colorato, grazie all’utilizzo di sofisticate pellicole poste sui macchinari diagnostici. Nel 2019 DiaSorin e Progetto Pinocchio hanno effettuato un nuovo intervento all'ospedale Gaslini di Genova, coinvolgendo nell’iniziativa anche la Walt Disney Company e realizzando un mondo fantastico con i personaggi Pixar di Toy Story.  A seguito del successo di questi primi interventi, DiaSorin e Progetto Pinocchio hanno deciso di proseguire questa avventura su tutto il territorio italiano, con l’obiettivo di sostenere ogni anno un nuovo intervento di umanizzazione che possa toccare tutti gli ospedali pediatrici italiani.

Le parole di Riccardo Fava, Vice Presidente di DiaSorin

Siamo veramente orgogliosi di questa iniziativa che ci vede a fianco di Progetto Pinocchio da ormai 5 anni. Ogni volta che iniziamo un nuovo progetto, proviamo ad immaginare in maniera creativa come rendere i nostri interventi a misura di bambino e come consentire ai più piccoli di avvicinarsi ad esami delicati in luoghi che parlino lo stesso linguaggio della loro fantasia. Il progetto di quest’anno è bellissimo e siamo certi che la Dottoressa Giraffa aiuterà migliaia di bambini a vivere l’esperienza ospedaliera con un po’ più di leggerezza e serenità.

 

Leggi anche:

La stanza degli abbracci: il video del Governatore Cirio che stringe l’81enne Matteo

Arrestato latitante: diventava “amico”delle anziane vittime per farsi dare tutti i loro risparmi