Torino

Venduto ad un collezionista di Torino il pianoforte bianco del celebre sensitivo Gustavo Rol

Proprio su quello strumento Nino Rota compose il leggendario tema musicale del film "Il padrino"

Venduto ad un collezionista di Torino il pianoforte bianco del celebre sensitivo Gustavo Rol
Pubblicato:
Aggiornato:

Un collezionista privato torinese si è aggiudicato il pianoforte bianco appartenuto a Gustavo Rol messo all'asta insieme ad altri oggetti d'arte allo Spazio Bolaffi di Torino.

Acquistato a 17.500 euro

Lo strumento è stato acquistato a 17.500 euro (diritti inclusi). Il cimelio, appartenuto al famoso sensitivo torinese, proveniva dall’appartamento di via Silvio Pellico 31, dove Rol abitò per 64 anni.

Sul Ronisch bianco e dorato Rol amava suonare Mozart. La base d’asta fissata per il pianoforte era di 8 mila euro.

L'amica e giornalista, nonché biografa di Rol, Giuditta Dembech, raccontava che proprio su quello strumento il celebre compositore Nino Rota compose il leggendario tema musicale del film "Il padrino".

 

Chi era Gustavo Rol

Gustavo Adolfo Rol (Torino, 20 giugno 1903 – Torino, 22 settembre 1994) è stato un sensitivo italiano.

Gustavo Adolfo Rol, fonte foto: Wikipedia

Non venne mai eseguita alcuna verifica sotto controllo scientifico delle sue presunte capacità per l'opposizione dello stesso Rol, che affermava che i suoi "prodigi" non fossero fenomeni ripetibili o eseguibili a comando.

Le sue dimostrazioni, avvenute in presenza di ospiti da lui selezionati, vennero interpretate dai suoi estimatori come autentici fenomeni paranormali, mentre altri, come il giornalista scientifico Piero Angela, le ritenevano illusioni prodotte con tecniche di prestidigitazione e in particolare di mentalismo.

A partire dagli anni Trenta la sua fama si diffonde nei circoli dell'aristocrazia, della cultura e della politica. Gli si attribuiscono incontri con esponenti dello spettacolo e dell'arte, anche se scarsamente documentati; gli si attribuiscono anche ripetuti incontri con personaggi prestigiosi della politica, come Mussolini e de Gaulle, e con scienziati come Einstein, ma di questi ultimi non esiste traccia documentale.

Sono invece accertate le amicizie decennali con Federico Fellini, Franco Zeffirelli, Marcello Mastroianni, Cesare Romiti e la frequentazione della famiglia Agnelli; tuttavia Rol mantiene sempre un profilo riservato e appare raramente in pubblico

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali