per richiederli c'è tempo fino all'11 novembre

Didattica a distanza: l’Università di Torino distribuisce 30.000 device agli studenti

I dispositivi verranno assegnati agli studenti regolarmente iscritti in ordine crescente di ISEE fino a 40.000 euro, tramite un contratto di comodato d'uso gratuito temporaneo.

Didattica a distanza: l’Università di Torino distribuisce 30.000 device agli studenti
Cronaca Torino, 03 Novembre 2020 ore 16:36

PC, tablet, router e sim per garantire a tutti la fruizione regolare delle lezioni: quanto chiesto dai liceali che hanno protestato ieri in Piazza Castello è diventato realtà per gli universitari.

Nessuno escluso

Nella fase di emergenza legata alla diffusione del Covid-19, l’Università di Torino ha adottato un piano di interventi che prevede la distribuzione gratuita agli studenti dei device che permetteranno agli studenti la fruizione regolare della didattica a distanza. Una misura che ha l’obiettivo prioritario di supportare in modo efficace chi studia in questo particolare momento di recrudescenza della pandemia, ma che nel medio-lungo periodo porterà a una riduzione più strutturale delle diseguaglianze di accesso alla didattica innovativa.

Come funziona

I dispositivi verranno assegnati agli studenti regolarmente iscritti in ordine crescente di ISEE fino a 40.000 euro, tramite un contratto di comodato d’uso gratuito temporaneo. La domanda per l’assegnazione della prima finestra di distribuzione potrà essere compilata fino al giorno 11 novembre 2020 sul portale dell’Ateneo. Seguirà una seconda tranche di distribuzione disponibile nel secondo semestre. I pc saranno distribuiti alle studentesse e agli studenti che ne hanno diritto in appositi centri di consegna, mentre tablet sim e router wi-fi saranno spediti al richiedente a mezzo corriere. I dispositivi potranno essere utilizzati per una durata massima di 12 mesi dalla data di ritiro/consegna.

Oltre la pandemia, verso la sostenibilità

Stefano Geuna, Rettore dell’Università di Torino ha dichiarato

La disponibilità di device tecnologici per la comunità di chi studia a UniTo è una novità molto importante per tutto l’Ateneo. A fronte dell’insistere della diffusione della pandemia, supportare l’accesso a lezioni ed esami chi ne abbia necessità ha costituito dal principio una priorità assoluta. L’iniziativa fa parte del pacchetto di misure che l’Ateneo a favore del diritto allo studio per consentire a tutti gli studenti di poter seguire le lezioni e le attività a distanza. Abbattere il più possibile il divario digitale che ha messo in difficoltà parte dei nostri studenti e studentesse nella prima fase della pandemia è condizione inderogabile per affrontare al meglio la situazione che si prospetta per i prossimi mesi. Non si pensi però ad una politica una tantum: lo sforzo che oggi UniTo sostiene con questa decisione intende essere il primo passo verso una progressiva riduzione strutturale negli anni del gap tecnologico che rende difficile la didattica a distanza. Anche così UniTo diventa un Ateneo più sostenibile.

 

Leggi anche:

Protesta degli studenti davanti alla Regione Piemonte: “La didattica a distanza per alcuni è un lusso”

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità