allarme dispersione scolastica

Protesta degli studenti davanti alla Regione Piemonte: “La didattica a distanza per alcuni è un lusso”

Molti studenti non hanno materialmente a disposizione i mezzi per seguirla.

Protesta degli studenti davanti alla Regione Piemonte: “La didattica a distanza per alcuni è un lusso”
Cronaca Torino, 02 Novembre 2020 ore 18:20

I ragazzi che oggi sono scesi in piazza Castello hanno lanciato un messaggio chiaro: hanno ribadito che la didattica a distanza non può essere la soluzione e che le scuole devono rimanere aperte. Lo hanno fatto coprendosi naso e bocca, ma anche gli occhi. Per protesta contro chi ha reso inaccessibile la didattica per molti di loro.

Garanzie e priorità

Gli studenti si sono ritrovati sotto la sede della Regione Piemonte per chiedere garanzie e priorità per la scuola. Bianca Chiesa, studentessa del liceo classico Gioberti di Torino e referente del Laboratorio studentesco, ha sottolineato come uno dei problemi sia legato alle possibilità degli studenti, se proprio non si può fare a meno della Dad, allora servono i dispositivi per chi non ha la possibilità di acquistarli.

La dispersione scolastica sta crescendo

Infatti, ben una famiglia su quattro non può permettersi la didattica a distanza e così molti studenti non hanno materialmente a disposizione i mezzi per seguirla. Per loro lo Stato non sta facendo nulla e la dispersione scolastica, che oggi è al 14%, sta crescendo.

Nessuno indietro

Come si legge in un lungo post su Instagram, il Laboratorio studentesco ha chiesto di non dipingere come untori e come irresponsabili gli studenti che invece hanno a cuore il proprio futuro e quindi la propria formazione intesa come una didattica di qualità accessibile a tutti, senza lasciare indietro nessuno.

 

Leggi anche:

Chiamati “eroi”, ma trattati come fantasmi: eppure combattono in prima linea

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità