Piccoli passi verso il ritorno alla normalità

Piemonte zona gialla dal 13 dicembre: cosa cambia

La previsione è attendibile e ufficializzata da Paolo Bongioanni, esponente regionale di Fratelli d'Italia. Incrociamo le dita!

Piemonte zona gialla dal 13 dicembre: cosa cambia
Politica Torino, 04 Dicembre 2020 ore 10:52

Piemonte zona gialla da domenica 13 dicembre 2020. Manca poco, dài… possiamo farcela. Almeno così si augurano alla Regione. D’altronde, il trend sembra confermato: contagi in calo e posti letto in ospedale disponibili (seppur con ancora tanti, troppi decessi). Quindi, dopo il passaggio a zona arancio avvenuto il 29 novembre 2020 si può ora ben sperare in un ulteriore declassamento: il Piemonte in zona gialla.

Il “famigerato” Dpcm Natale

Da oggi, d’altronde, è in vigore il famigerato Dpcm Natale, con tutte le varie (e contestate) misure restrittive varate dal Governo Conte. E quindi, per sommi capi: dal 21 al 6 gennaio vietati tutti gli spostamenti fra regioni (anche per raggiungere le seconde case); Natale, Santo Stefano e 1* gennaio vietati anche spostamenti da un Comune all’altro; confermato il “coprifuoco” dalle 22 alle 5 del mattino. Il consigliere regionale del Piemonte Paolo Bongioanni ha dichiarato una possibile data per l’ingresso del Piemonte nella cosiddetta zona gialla, ovvero la zona con l’allerta minore (ma pure sempre con limitazioni e misure anti-contagio).

Paolo Bongioanni (F d’I)

Secondo l’esponente cuneese di Fratelli d’Italia il Piemonte diventerà zona gialla dal 13 dicembre. Ecco cos’ha postato lui stesso a riguardo:

“I dati della Regione Piemonte di oggi con un ulteriore decremento di 11 ricoveri in terapia intensiva e 85 in ordinaria sono da zona gialla. Se verranno confermati nei prossimi giorni scatterà la zona gialla il giorno 11 dicembre, che diventerà ufficiale a tutti gli effetti domenica 13 dicembre”.

Cosa cambia da arancio a giallo

Ovviamente questa previsione tiene se e solo se i numeri della pandemia continueranno ad andare nella direzione del ribasso. Sia come sia, è il caso di capire cosa cambierà nel passaggio da zona arancio a zona gialla. Spostarsi fuori dal proprio Comune non sarà più vietato, né si dovrà più portare con sé un’autocertificazione. Rimane però in vigore il coprifuoco: vietato uscire di casa dopo le 22. Ottime notizie per bar, pub, ristoranti, gelaterie e pasticcerie: potranno finalmente riaprire, ma soltanto dalle 5 alle 18 (asporto e consegna a domicilio fino alle 22).

I dettagli della “zona gialla”

Le scuole, come da Dpcm Natale, riaprono il 7 gennaio mentre restano (ancora) chiuse le Università. Gli studenti universitari, fra l’altro, sono fra i più penalizzati visto che sono sempre rimasti in DaD praticamente dal 1 marzo 2020 (tranne poche eccezioni). Anche in zona gialla mostre, cinema e musei restano comunque chiusi. Così pure le palestre, le piscine, le agenzie di scommesse, i bingo e le sale poker. Insomma, una… “riaperturina” se così si può dire. Che tutti speriamo sia da prologo alla vera fine di questa dannata emergenza sanitaria e sociale.

VUOI RIPASSARE IL DPCM NATALE 2020? FALLO SCORRENDO LE SLIDES!

19 foto Sfoglia la gallery

LEGGI ANCHE:

Juve e Toro verso il derby: bianconeri super-favoriti

Raggi UVA alleati nella lotta contro il Covid: lo conferma uno studio scientifico torinese

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità