Sconfitto Andrea Russi

Elezioni comunali: Valentina Sganga candidata sindaco del M5S

L'attuale capogruppo in Consiglio comunale si è imposta sulla piattaforma SkyVote con il 55% dei consensi. Il panorama politico verso le Amministrative.

Elezioni comunali: Valentina Sganga candidata sindaco del M5S
Politica Torino, 22 Luglio 2021 ore 09:42

Sarà Valentina Sganga la candidata sindaco del M5S alle elezioni di Torino: lo ha deciso la base dei militanti con il voto online di ieri (chiusura delle "urne" alle 22) affidando alla 35enne capogruppo pentastellata in Consiglio comunale la responsabilità di proporsi come sindaca. I grillini puntano sulla continuità di genere, quindi, visto che la Sganga nei loro piani dovrebbe succedere alla prima cittadina uscente Chiara Appendino. Per quest'ultima, pronto un super-ruolo politico nel Movimento: secondo i beninformati sarà il braccio destro di Giuseppe Conte. Ma, tornando alla vincitrice delle "primarie M5S" va detto che si è imposta sull'avversario Andrea Russi non di moltissimo: ha infatti ottenuto il 55% dei consensi contro il 45% del suo contendente.

Laureata in Scienze del Governo e dell'Amministrazione presso l'Università degli Studi di Torino, la Sganga è entrata per la prima volta in Consiglio comunale cinque anni fa, quando il M5S a sorpresa ha vinto le elezioni (con grave scorno del Pd) contro Piero Fassino.

Le dichiarazioni a caldo

Così la Appendino:

"Congratulazioni a Valentina  per il risultato raggiunto: è lei la candidata sindaca di Torino del Movimento e della coalizione che formeremo. E grazie, sin da subito, ad Andrea Russi per essersi messo a disposizione in questo percorso. Ora è tempo di lavorare insieme, per il bene della nostra città. Sono certa che Valentina saprà fare squadra per valorizzare al massimo i risultati che abbiamo ottenuto in questi anni".

Questa invece la prima dichiarazione da candidata sindaco della diretta interessata:

"Sono ufficialmente la candidata sindaca del Movimento 5 Stelle a Torino. Ringrazio tutte le persone che hanno partecipato al voto e che in questi giorni mi hanno dato un supporto e un sostegno straordinario. È una grande responsabilità che affronterò con determinazione e impegno. Il più forte abbraccio va ad Andrea Russi, amico e candidato leale. Percorrerò questa strada con lui, con tutti i consiglieri e gli attivisti che in questi anni hanno lavorato per Torino. Un ultimo grazie anche a Vito Crimi e all'Organizzazione di questo voto, che è stata impeccabile".

Lo scenario della Amministrative

Lo scenario delle Amministrative dunque va delineandosi sempre più chiaramente, almeno per quanto riguarda i grandi partiti in campo. Le piccole liste civiche, infatti, sia che vogliano proporre un proprio candidato sia che vogliano accodarsi ad altre coalizioni, hanno ancora tempo per decidere e potrebbero ufficializzare anche nelle ultime ore. Al momento, dunque, c'è il M5S che alle elezioni Amministrative di fine settembre presenta la propria candidata Sganga. Al suo fianco il potente simbolo dei Verdi che in questo periodo, fra refrain green e svolte ecologiche ripetute alla più non posso, potrebbero ottenere un ottimo risultato. C'è poi il Pd, che si presenta al primo turno con il proprio uomo Stefano Lo Russo (irriducibile "nemico" della Appendino). Pd e M5S divisi, quindi, e non è una bella prospettiva per il centrosinistra.

Dall'altra parte, infatti, c'è un granitico centrodestra unito che parte da Fratelli d'Italia passando per la Lega e Forza Italia con il capace imprenditore Paolo Damilano candidato: la sua lista civica si chiama Torino Bellissima. Chi vincerà? Non siamo ancora nel regime della famigerata par condicio, quindi si possono ancora chiamare le cose con il loro nome: al momento i sondaggi (per quel che valgono) danno avanti il centrodestra. Da qui al voto qualcosa cambierà? Si acuirà il divario a tal punto da permettere a Damilano di vincere al primo turno (serve il 50% più un voto) oppure sinistra e centrosinistra recupereranno per arrivare al ballottaggio? Basta attendere, entro un paio di mesi lo sapremo.