torino

Primo Maggio: ingresso a 1 euro in alcuni musei cittadini

La cultura al costo di un caffé, ecco cosa si può vedere oggi

Primo Maggio: ingresso a 1 euro in alcuni musei cittadini
Pubblicato:
Aggiornato:

Anche quest'anno per la giornata della festa dei Lavoratori i musei civici di Torino (Gam, palazzo Madama e Mao) propongono l'ingresso speciale a 1 euro per visitare le mostre permanenti e altre riduzioni per le mostre temporanee.

Vediamo insieme cosa si può vedere oggi praticamente al costo di un caffé:

Mao - Museo d'Arte Orientale

Al Mao - Museo d'Arte Orientale si possono visitare le collezioni permanenti e aggiungendo 1 solo euro sarà possibile visitare anche il nuovo allestimento della mostra temporanea da poco inaugurata Tradu/izioni d'Eurasia Reloades. Un percorso che racconta, attraverso una rinnovata e puntuale selezione di ceramiche, tessuti, metalli e manoscritti, l’affascinante storia del viaggio dell’arte, della cultura, delle tradizioni, della lingua dall’Asia Orientale al bacino mediterraneo (e ritorno).

Palazzo Madama


A Palazzo Madama si entra pagando 1 euro mentre per visitare la mostra Liberty. Torino Capitale, si spendono solo per questa giornata, 5 euro. L'esposizione, in allestimento fino al 10 giugno, racconta con un centinaio di opere il fondamentale ruolo di Torino per l'affermarsi del Liberty, un'arte che nella capitale sabauda diviene il fulcro di una storia che travolge ogni aspetto della vita e della società, definendo un'esperienza architettonica e artistica che dalle suggestioni torinesi si diffonderà in tutto il mondo.

Gam

 

Alla Gam il biglietto d'ingresso costa 1 euro e si possono visitare la collezione permanente e la mostra dedicata a Italo Cremona, che ripercorre l’intera produzione dell’artista. Dalle prime prove giovanili di metà anni Venti fino alle opere della prima metà degli anni Settanta, dalle nature morte prossime alle atmosfere del Realismo magico alla visionarietà del "surrealista indipendente", come amava definirsi.

 

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali