Prognosi 36 giorni

Vicino di casa aggredito a colpi di pietra in faccia

Il "picchiatore" (arrestato) è un immigrato nigeriano: i due stavano discutendo per il pagamento di alcune bollette.

Vicino di casa aggredito a colpi di pietra in faccia
Cronaca Torino, 10 Dicembre 2020 ore 10:04

Vicino di casa aggredito a colpi di pietra. Protagonista della sanguinolenta litigata un immigrato nigeriano che ha pestato brutalmente il suo vicino di casa colpendolo più volte in faccia con una pietra.

Picchiatore in manette

Il vicino di casa è stato colpito al volto più di una volta con una pietra, riportando lesioni non indifferenti e curate prontamente al Pronto Soccorso. L’immigrato “picchiatore”, che ha 34 anni, è invece stato arrestato dai carabinieri intervenuti sul posto per sedare la lite. Il fatto è successo a Chiaverano, un piccolo paese di duemila abitanti vicino a Ivrea (To). I militari della locale Compagnia sono dovuti intervenire in un condominio del luogo dove lo straniero, a causa di una discussione legata al pagamento di alcune bollette, ha aggradito il vicino di casa all’interno del cortile del palazzo, colpendolo ripetutamente al volto.

Il litigio per le bollette

Non si sa di preciso ancora chi avesse ragione nella diatriba: al centro della discussione, pare, il pagamento di alcune bollette per le utenze di luce e gas. Forse uno dei due contendenti rinfacciava all’altro il debito pregresso, o forse la mancata restituzione di denaro prestato per il pagamento. Le versioni divergono su questo punto. Fatto sta che a un certo punto la discussione è degenerata: dalle parole si è passati agli insulti, quindi alle vie di fatto. l pronto intervento degli uomini dell’Arma ha evitato conseguenze peggiori per il malcapitato ferito al volto. L’uomo è stato trasportato all’ospedale di Ivrea, dove è stato giudicato guaribile in 36 giorni per le ferite riportate al viso. L’arrestato, invece, è stato anche segnalato in Prefettura quale assuntore di stupefacenti: in casa aveva circa un grammo di droga.

LEGGI ANCHE: Polizia ferroviaria mobilitata: 4.900 controlli sui treni

Frode da 18 milioni di euro: gli indagati percepivano il reddito di cittadinanza

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità