Destino beffardo

La figlia lavora nel carcere dov’è rinchiuso l’assassino della madre: trasferito

La 29enne rimasta gravemente ferita è un'operatrice alle Vallette, dove l'uomo che le ha sparato e che ha ucciso sua madre era stato rinchiuso.

La figlia lavora nel carcere dov’è rinchiuso l’assassino della madre: trasferito
Torino, 15 Giugno 2020 ore 12:39

Una vicenda tragica che rischiava di concludersi con una terribile beffa: Nicola Cirillo, 58enne che ha ucciso la ex Cristina Messina a Volvera e gravemente ferito la figlia di lei – la 29enne Giusy – era stato rinchiuso nel carcere torinese delle Vallette, proprio dove lavora la ragazza sopravvissuta. Si è quindi provveduto al trasferimento del killer ad Ivrea.

Trasferito il killer di Volvera

Nicola Cirillo è stato trasferito a Ivrea dopo l’udienza di convalida, a sollevare il problema sono stati i colleghi di Giusy Messina, rimasta gravemente ferita dall’uomo che dopo averla colpita ha freddato sua madre sparandole alla testa. Il femminicidio è avvenuto a Volvera mercoledì 10 giugno, da allora la giovane si trova ricoverata all’ospedale Molinette in gravissime condizioni: una seria lesione polmonare e un danno alla colonna vertebrale. La 29enne scampata alla mattanza è operatrice proprio alle Vallette, dove era stato inizialmente rinchiuso Cirillo.

LEGGI ANCHE: Secondo femminicidio in cinque giorni in Piemonte

Una convivenza dolorosa

I colleghi di Giusy hanno sollevato dei dubbi sull’opportunità di accogliere nel carcere dove lei lavora l’uomo che ha cercato di ucciderla e che ha tolto la vita alla madre. Si è quindi deciso di trasferire il 58enne nella struttura penitenziaria di Ivrea. Venerdì scorso, di fronte al gip, Cirillo ha confermato la confessione dell’omicidio e del tentato omicidio, già resa nella giornata del delitto, quando si è consegnato ai carabinieri di Pinerolo.

TORNA ALLA HOME

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità