Menu
Cerca
inaugura l'8 dicembre

Tra uomo e natura sorge Green Pea, la nuova creatura tutta eco di Oscar Farinetti

Si tratta di quindicimila metri quadri, articolati su cinque piani, in cui si racconta (e si vende) il vivere sostenibile.

Tra uomo e natura sorge Green Pea, la nuova creatura tutta eco di Oscar Farinetti
Cronaca Torino, 20 Novembre 2020 ore 18:03

Doveva inaugurare a fine agosto, ma la pandemia ha fatto ritardare l’apertura che avverrà in concomitanza con la festa dell’Immacolata.

L’inaugurazione dell’8 dicembre

Green Pea, l’attesissimo centro commerciale della famiglia Farinetti, aprirà a Torino il prossimo 8 dicembre, accanto al fratello maggiore Eataly Lingotto.
Si tratta di quindicimila metri quadri, articolati su cinque piani, in cui si racconta (e si vende) il vivere sostenibile. Un progetto costato 50 milioni di euro di investimento che vede tra i partner anche FCA, che infatti avrà il suo spazio all’interno dello store, per presentare la sua 500 elettrica. L’energia pulita è proprio alla base dell’edificio progettato dall’architetto Cristina Catino alimentato tramite geotermia e pannelli fotovoltaici, con un pavimento in grado di accumulare energia al passaggio dei clienti che lo percorreranno ogni giorno, e piante selvagge sulle pareti esterne. Qui, sarà possibile fare shopping scegliendo tra 32 brand di abbigliamento e 24 marchi legati al mondo della casa, oltre a startup e piccole aziende accomunate dall’investimento in sostenibilità, d’altra parte Green Pea ha un’unica grande mission: il rapporto tra uomo e natura.

SPA e aperitivi sul tetto, senza tralasciare il buon cibo

La struttura impiegherà almeno 200 persone (le assunzioni sono già state avviate). Nello store di via Nizza, l’ultimo dei cinque piani aperti al pubblico ospiterà una spa con piscina e cocktail bar allestito sul tetto. A coordinare il progetto c’è Francesco Farinetti (figlio di Oscar), amministratore di Green Pea, che ribadisce l’intenzione di dare il giusto spazio al cibo. Al terzo piano dell’edificio ci saranno infatti due ristoranti: il bistrot 100 Vini e Affini, gestito da Davide Pinto di Affini, con una proposta incentrata sull’importanza dell’acqua, anche sotto il profilo nutrizionale; il ristorante Casa Vicina, che trasloca dal piano -1 di Eataly al nuovo spazio di 300 metri quadri, con cucina a vista e una settantina di coperti. Qui Claudio Vicina e sua moglie Anna continueranno a proporre la filosofia che ha ricevuto tanti apprezzamenti negli ultimi anni, approfondendo il filone green.

I piani nel dettaglio

L’offerta, piano per piano, si articolerà in questo modo:

  • Il piano 0 è dedicato al tema Life: vita in movimento, con proposte FCA, Iren, Enel X, Tim, Unicredit, Mastercard, FPT e Samsung. E poi il Green Pea Discovery Museum.
  • Il piano 1 è dedicato al tema Home: oltre 40 Partners tra i quali Whirlpool, Roda, Gervasoni, Riva 1920, Pianca, Rubelli, Artemide, sotto la guida esperta del Home Brand Director Pierangelo De Poli.
  • Il piano 2 è dedicato al Fashion: i migliori marchi della moda sostenibile italiana e internazionale tra i quali Borbonese, Timberland, PT, Patagonia, Esemplare, Ecoalf, North Sails, Dedicated e Ortigni.
  • Il piano 3 è luogo dedicato alla Bellezza: le migliori firme italiane dell’abbigliamento – Ermenegildo Zegna, Brunello Cucinelli, Herno e Sease – proporranno concept store dedicati a Green Pea. E poi sartoria del passato e del futuro, con la avatar factory Igoodi.
  • Il piano 4 ospita il cocktail bar gestito dall’agenzia di eventi ToBe, fondata da Pier Luigi Rosito: si tratterà di un lounge bar aperto per colazione, pranzo, aperitivo, dopocena, e i cocktail signature saranno a base di erbe, piante officinali e fiori del giardino di Green Pea
  • Il piano 5 è dedicato al cura del corpo con una splendida piscina che si affaccia sull’arco alpino

 

Un piccolo pisello verde

L’esperienza di shopping ecologico offerta da Green Pea punterà su tre elementi fondamentali: ogni prodotto è reso unico dalla presenza di un piccolo pisello verde, che è la garanzia che è stato realizzato in armonia con la natura, per essere durevole e nel pieno rispetto ambientale e sociale.

 

Leggi anche:

Buone notizie per chi stava pensando di adottare un amico a quattro zampe, finalmente riapre il Canile Rifugio