Quartiere Vallette

Spacciatore ubriaco lancia stoviglie e un coltello dalla finestra: arrestato

Pericolosissimo il lancio del coltello che si è conficcato nella carrozzeria di un'auto in sosta.

Spacciatore ubriaco lancia stoviglie e un coltello dalla finestra: arrestato
Cronaca Torino, 18 Maggio 2021 ore 12:44

Era davvero fuori di testa uno spacciatore ubriaco che ha lanciato stoviglie e un coltello dalla finestra di casa: è stato arrestato dalla Polizia che in camera sua ha anche trovato 5 piante di marijuana, un tirapugni e un taser.

Il lancio all'una di notte

Il lancio delle stoviglie e del pericoloso coltello (che si è conficcato sul cofano di un'auto in sosta) avviene all'una di notte. Lo spacciatore è visibilmente ubriaco, quasi sbronzo marcio secondo alcuni testimoni che hanno allertato il 112. Da alcuni minuti sta lanciando oggetti dalla propria finestra, nel quartiere Vallette, danneggiando le macchine in sosta.

Gli agenti del Commissariato Madonna di Campagna giunti sul posto, attraverso la luce accesa all’interno dell’abitazione, notano un soggetto che improvvisamente scaglia dalla finestra un altro oggetto che impatta con una vettura parcheggiata, producendo un forte tonfo. Gli agenti intimano all’uomo, un italiano di 29 anni, di interrompere la propria azione e di raggiungerli per procedere alla sua identificazione. Nel frattempo i poliziotti sequestrano gli oggetti ritrovati sulla strada, tra cui un coltello da cucina lungo oltre 20 cm incastrato su un’autovettura.

Il balordo ha evidentemente fatto abuso di alcool e durante il controllo riferisce di non aver combinato nulla di male, ma solo di essersi “sfogato un po'". Nel corso degli accertamenti, tuttavia, la pattuglia avverte un forte odore di erba provenire dall’appartamento dell’uomo, che ammette quindi di avere anche fumato un po' di "maria".

"Ho fumato un po' di maria"

L’odore però è davvero molto intenso, fin troppo per potersi trattare di un solo spinello come diceva lui... Così gli agenti perquisiscono l’abitazione. E infatti, all’interno di una camera viene rinvenuta una piccola serra artigianale composta da cinque piante di marijuana, munita di dispositivi di illuminazione, fertilizzanti, generatori d’aria e ventole di raffreddamento. Scoperti inoltre circa un etto di marijuana già raccolta ed essiccata ed oltre 20 grammi di hashish contenuti in diversi sacchetti, un bilancino di precisione, un tirapugni ed un taser. Il 29enne è stato posto agli arresti domiciliari per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio ed indagato per danneggiamento, lancio pericoloso e possesso di oggetti atti a offendere (il tirapugni e il taser). Arrestato dunque lo spacciatore ubriaco.