a maggio il processo

Salone del Libro: i conti non tornano e Piero Fassino è rinviato a giudizio

Tra il 1998 e il 2015 avrebbe speso circa 850mila euro per finalità personali o comunque estranee a quelle della Fondazione per il libro.

Salone del Libro: i conti non tornano e Piero Fassino è rinviato a giudizio
02 Ottobre 2020 ore 15:08

È stato rinviato in giudizio l’ex sindaco Piero Fassino nell’ambito del processo per le presunte irregolarità nella gestione del Salone del Libro.

Sotto esame i conti della Fondazione tra il 2010 e il 2015

Si tratterebbe dei conti della Fondazione tra il 2010 e il 2015. L’inchiesta nasce proprio nel 2015 secondo l’ipotesi di peculato contestata all’ex presidente del Salone del Libro. Nell’arco di cinque anni, secondo il pm Gianfranco Colace, Rolando Picchioni – ai vertici del Salone tra il 1998 e il 2015 – avrebbe speso circa 850mila euro per finalità personali o comunque estranee a quelle della Fondazione per il libro.

29 imputati

Fassino è tra 29 imputati accusati, a vario titolo di peculato, falso in bilancio, turbativa d’asta. Il processo si aprirà il 17 maggio 2021.

La sindaca Appendino condannata punta alla rivincita in Appello e la “base” la sostiene

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: L’ospedale: “Sua madre è morta”. Mezz’ora dopo: “Ci siamo sbagliati”

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità