Tutti sotto i 17 anni

Ragazzini stranieri (afghani) nascosti su un Tir, li trova la Polizia

Erano in sette, entrati nel cassone in Romania e diretti in Francia. Il camionista non ne sapeva niente.

Cronaca Torino, 22 Gennaio 2021 ore 10:10

Ragazzini stranieri adolescenti nascosti su un Tir: il camionista se ne accorge dopo 1.800 chilometri e chiama la Polizia Stradale. Ha dell’incredibile quanto accaduto nell’area di servizio Stura Nord l’altra sera.

Volevano arrivare in Francia

Volevano arrivare in Francia, e ce l’avevano quasi fatta: mancavano un centinaio di chilometri ancora… Ma non hanno fatto i conti con le necessità del conducente, che si è fermato all’Autogrill. Infatti proprio il camionista ha allertato gli agenti. Era partito due giorni prima dalla Romania  diretto in Francia appunto e si è fermato per consumare un pasto quando ha avvertito dei rumori sospetti all’interno del proprio auto rimorchio. Delle voci sembravano… ma com’era possibile? Spaventato, l’autotrasportatore ha subito chiamato la Polizia con il cellulare.

La sorpresa nel vano carico

Una volta aperto il vano carico, gli agenti trovano a bordo sette ragazzi, stranieri, di età compresa tra i 12 e i 17 anni. Erano rinchiusi da due giorni, senza mangiare, infreddoliti e affamati. Val la pena a questo punto fare una riflessione: si pensi allo stato d’animo di un pre-adolescente di soli 12 anni, poco più di un bambino, costretto a sopportare simili condizioni senza neppure il conforto di avere la mamma e il papà al proprio fianco. Sorge spontanea la domanda se i ragazzini abbiano affrontato spontaneamente quel massacrante viaggio. Immediatamente gli agenti hanno comprato cibo e acqua nella vicina stazione di servizio ed hanno dato delle coperte ai ragazzini stranieri nascosti sul Tir.

Nessuno parlava italiano

Nessuno parlava italiano, solo uno di loro conosceva qualche parola in inglese e a fatica ha spiccicato il suo racconto. Ha detto di essere afghano e di essere in viaggio con i suoi due fratelli più piccoli per arrivare, via terra, in Francia. In Romania è stato avvicinato da un uomo che in cambio di soldi, circa 1.000 euro, lo ha condotto in un parcheggio. Lì ha conosciuto quattro connazionali, due coppie di fratelli, anche loro in attesa di capire su quale camion salire di nascosto. E’ una prassi diffusa che vede i conducenti del tutto ignari al traffico di esseri umani, mentre i viaggiatori clandestini sanno di dover rimanere zitti e immobili per tutto il tempo del viaggio. Magari non tutti loro sono convinti di dover andare, ma non hanno alternative: o si sale sul Tir o si resta lì in terra straniera, da soli e senza cibo né acqua.

Stremati dopo due giorni

Bisogna tener presente che il cassone di un Tir non è riscaldato. Le temperature nei giorni scorsi sono scese anche a 0* e -1*. Senza contare che non c’è un gabinetto… Insomma: condizioni davvero disumane! Dopo due giorni di viaggio quindi, stremati, si sono fatti scoprire, complice anche il motore spento che non copriva più i seppur lievi bisbiglìì. La loro destinazione finale era la Francia, come hanno raccontato, non si sa ancora se per raggiungere alcuni connazionali. Si tratta di una pratica abbastanza frequente per i profughi di Afghanistan e Pakistan: lo scorso anno la Polizia di Stato ne aveva individuati addirittura 38 stipati in un furgone che cercavano di iniziare una nuova vita lontano dalla miseria di quelle Nazioni e dalle faide tribali / religiose. Tutti i minori sono stati caricati su un bus di linea requisito per l’occasione e collocati in strutture di accoglienza; saranno seguiti anche da un servizio psicologico.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Festa con droga ai tempi del Covid, arriva la Polizia

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli