Orbassano

Piantagione di marijuana in ditta: arrestato il custode

L'uomo, un 58enne, aveva allestito la coltivazione in vaso di piante rigogliose e tutte alte circa un metro e 80. Ora è ai "domiciliari".

Cronaca Torino, 06 Settembre 2021 ore 12:46

Il custode di una ditta è stato arrestato perché aveva allestito una piantagione di marijuana dietro l'azienda.

Continuano i controlli antidroga dei carabinieri: arrestati un custode che coltivava marijuana in azienda e un corriere con 100 grammi di "fumo" nascosti nelle mutande.

Primo arresto a Castellamonte

Il  primo arresto è avvenuto a Castellamonte, dove i militari hanno messo agli arresti domiciliari un operaio di 21 anni per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso della perquisizione della sua auto i Carabinieri hanno trovato una busta in cellophane contenente un panetto di 100 grammi di hashish e 57 grammi di marijuana. Negli slip del fermato c’erano anche una busta in cellophane contenente altri 50 grammi di hashish e 58 grammi di marijuana, oltre a 150 euro cash che il giovane non ha saputo giustificare ma che si sospetta siano provento della compravendita legata allo stupefacente.

La piantagione di Orbassano

A Orbassano, invece, in un’area verde di pertinenza di un’azienda, i carabinieri della locale stazione hanno arrestato un uomo di 58 anni, custode della predetta ditta, perché coltivava autonomamente la "maria". Si tratta della droga più leggera che c'è, ma comunque illegale (soprattutto in certe quantità). L’uomo è stato sorpreso dai militari dell’Arma mentre innaffiava tranquillamente una piantagione di marijuana composta da ben 70 piante fiorite, coltivate in vasi singoli, rigogliose e di un'altezza media 150-170 cm. La successiva perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento. L’uomo è stato arrestalo e collocato ai domiciliari. I titolari dell’azienda sono estranei ai fatti contestati al loro custode. Le piante sono state tagliate e saranno distrutte nell'inceneritore della Questura.

Il "giardiniere" col pollice verde è stato quindi arrestato per la sua piantagione di marijuana.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Girano un film a Verolengo: è un giallo-thriller