corso Brescia

Nasconde la droga in un talismano della buonasorte, ma la fortuna gli gira le spalle

Per il giovane sono scattate le manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Nasconde la droga in un talismano della buonasorte, ma la fortuna gli gira le spalle
Torino, 07 Settembre 2020 ore 15:13

Lo scorso venerdì pomeriggio, 4 settembre 2020, la polizia ferma un’auto con a bordo due stranieri per un controllo.

Nervosismo: il peggior nemico dei pusher

Al volante c’erano un cittadino senegalese di 28 anni, regolare ma con precedenti per ricettazione. Al suo fianco, un cittadino gabonese di 25, sprovvisto di documenti. L’atteggiamento di nervosismo dei due insospettisce subito gli agenti che procedono alla perquisizione entrambi e poi passano all’auto.

Droga nell’amuleto

Addosso al venticinquenne vengono trovati due fazzoletti con 30 involucri termosaldati e dei frammenti di sostanza solida, positivi alle analisi come cocaina. L’uomo nascondeva gli involucri all’altezza dell’addome, all’interno di piccole cinture in cuoio i cosiddetti grigrì, amuleti vudù il cui scopo è quello di proteggere chi li possiede dalla sfortuna o di attirare su di lui la buonasorte. Una forma molto popolare di grigrì sono i cosiddetti “sachets”, ovvero piccoli sacchettini di stoffa da portare sulla persona (in tasca o in borsa) all’interno dei quali si possono trovare erbe, olii, pietre, pezzetti di ossa, terra di cimitero e così via.

Un po’ troppo denaro in tasca

Peccato che gli amuleti non abbiano funzionato, perché oltre alla droga il giovane gabonese è stato trovato in possesso anche di una bella somma di denaro (2370 €) di cui non è stato in grado di  fornire alcuna giustificazione, essendo disoccupato. Per il giovane sono dunque scattate le manette per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Leggi anche: Minaccia la madre con una bottiglia di vetro: arrestato 20enne

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità