NEL TORINESE

Manomettono l'impianto di sorveglianza e tentano di forzare il bancomat di Robassomero

I malviventi hanno prima manomesso l’impianto di videosorveglianza poi utilizzato una fiamma ossidrica ma il colpo è fallito

Manomettono l'impianto di sorveglianza e tentano di forzare il bancomat di Robassomero
Pubblicato:
Aggiornato:

Dopo i casi di Strambino e San Giusto Canavese, avvenuti notte tra sabato 13 e domenica 14 aprile 2024, continuano i furti di soldi nei bancomat nell'area del Canavese.

Tentano di forzare il bancomat di Robassomero

Come Prima Canavese, la scorsa notte, intorno alle 01:40, ignoti hanno tentato di forzare il bancomat della filiale UniCredit situata in via Braccini 6 a Robassomero. I ladri hanno preliminarmente manomesso l’impianto di videosorveglianza per poi attaccare il bancomat con una fiamma ossidrica.

Tentativo fallito

Nonostante i loro sforzi, il tentativo di furto è fallito e i banditi sono stati costretti alla fuga. Sul posto sono immediatamente intervenute le forze dell'ordine, che hanno avviato le indagini per risalire all'identità dei responsabili. Al momento, non è chiaro se ci siano stati danni significativi all'apparecchiatura o alla struttura dell'edificio.

Indagini in corso

Le indagini sono affidate ai Carabinieri di Fiano e di Venaria, che stanno analizzando ogni possibile traccia per identificare i colpevoli. Le autorità invitano chiunque abbia notato movimenti sospetti nei pressi della filiale a contattare immediatamente le forze dell'ordine.

Le indagini proseguono, e ulteriori aggiornamenti saranno comunicati non appena disponibili.

Casi analoghi anche nella cintura sud di Torino

Quanto sta accadendo nel Canavese è un fenomeno che si sta verificando anche nella cintura sud di Torino, come dimostrano i casi avvenuti nel scorsi mesi a Carignano (dove sono stati sottratti circa ben 50 mila euro in contanti) e Carmagnola.

Banda di ladri danneggia un bancomat a Carignano e ruba 50mila euro

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali