in arrivo 1 milione di test

Il Piemonte tra le prime regioni a usare i tamponi antigenici rapidi

Saranno utilizzati gratuitamente da parte del servizio sanitario regionale nelle strutture pubbliche, per i privati saranno a pagamento.

Il Piemonte tra le prime regioni a usare i tamponi antigenici rapidi
Cronaca Torino, 21 Ottobre 2020 ore 17:38

Alle 16 di oggi, mercoledì 21 ottobre 200, il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e l’assessore alla Sanità, Luigi Genesio Icardi, hanno fatto il punto sull’uso dei tamponi rapidi in Piemonte.

Il tampone rapido: cosa significa

Il tampone rapido ha la possibilità di essere processato in 15 minuti. Due i tipi: quello che come un test di gravidanza si processa da solo e quello che necessita di un’apparecchiatura apposta. Chi risulta negativo al tampone antigenico rapido è un soggetto è libero dalla quarantena. Chi invece è positivo deve sottoporsi al test molecolare ( ci potrebbe essere un margine di errore del 2-3% solo su falsi positivi).

1 milione di test per il Piemonte

In estate la Regione Piemonte partecipato a una gara, insieme alla Regione Veneto, per compare un milione di tamponi rapidi: 600mila sono stati acquistati dal Dirmei, 400mila per le aziende sanitarie. 164mila sono già sul territorio. Successivamente la regione riceverà ancora 1,4 milioni di test rapidi.

Uso pubblico e privato

I test saranno utilizzati gratuitamente da parte del servizio sanitario regionale nelle scuole, nelle RSA, negli uffici giudiziari e di interesse pubblico, nelle Prefetture e per le forze dell’ordine, nei pronto soccorso e negli ospedali. Ma anche qualsiasi soggetto privato, a pagamento, potrà sottoporsi al test rapido. La validità, in caso di esito negativo, è la stessa del tampone molecolare. In caso di positività, scatterà l’isolamento del diretto interessato e dei suoi contatti stretti, con la necessità di un ulteriore tampone tradizionale.

Dove effettuare i test

I test si potranno fare in laboratori pubblici e privati, nelle farmacie (ma sarà eseguito a domicilio da un infermiere inviato dalla farmacia stessa), dai medici di famiglia e pediatri. Il prezzo potrà variare dai 30 e i 40 euro.

 

Leggi anche:

Nuove regole anti Covid: buon senso e rigore per evitare chiusure in Piemonte

 

 

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità