La protesta

I riders torinesi protestano in strada per rivendicare i diritti che spettano loro

Appuntamenti per oggi e domani, manifestazioni rigorosamente pacifiche.

I riders torinesi protestano in strada per rivendicare i diritti che spettano loro
Torino, 05 Ottobre 2020 ore 12:23

Proteste in strada per i rider di Torino che oggi, 5 ottobre, e domani, 6 ottobre 2020, per ottenere i diritti dei lavoratori che spettano loro. I riders torinesi si trovano davanti ai Mc Donald’s di piazza Statuto e di via Livorno per sensibilizzare anche la cittadinanza di questo problema spesso dato per scontato.

(Immagine di copertina tratta dalla pagina facebook Glovo Riders Torino)

Tutto è iniziato dopo la firma del contratto

Ormai è da due settimane che i riders protestano: ci hanno provato davanti alla sede Ugl, cercando persino di entrare con la forza; lo hanno fatto in mezzo alla strada bloccando il traffico e scatenando l’ira degli autisti. E oggi ci provano per strada, distribuendo volantini e coinvolgendo i passanti.

Il 25 settembre Ugl e Assodelivery hanno firmato un contratto a favore dei lavoratori che fanno consegne in bici, e che all’art. 7 definisce i rider come lavoratori autonomi che, sulla base di un contratto con una o più piattaforme, decide se fornire la propria opera di consegna dei beni ordinati tramite applicazione.

La condanna agli atti violenti

“Lo sciopero è strumento di conflitto che ogni lavoratrice e lavoratore ha il diritto di esercitare per affermare ed estendere i diritti e le tutele del lavoro. Come Rider Nidil CGIL condanniamo ogni atto di violenza, minaccia, intimidazione, come quelli che si sono verificati nuovamente in occasione della manifestazione organizzata a Torino da alcuni rider lo scorso 25 settembre con lo slogan “rider in lotta”.

Da parte loro strattonamenti, ruote forate, intimidazioni a chi si trovava in prossimità di punti di ritiro. Queste le azioni contro altri rider che non condividono e non accettano la violenza gratuita come forma di lotta e che in città rappresentano la maggior parte dei lavoratori del Food Delivery.”

Le rivendicazioni dei lavoratori

“Come rider rivendichiamo l’unità di lavoratori e lavoratrici. Il CCNL sottoscritto da UGL e Assodelivery è l’ennesimo attacco delle Piattaforme contro il lavoro tutelato e dignitoso.
Contro questi attacchi ci mobilitiamo!
Per un lavoratore dignitoso con retribuzione secondo contratto collettivo nazionale della logistica e orario minimo garantito per il riconoscimento delle tutele previste per il lavoro subordinato come malattia, maternità, lavoro festivo, ferie, permessi..

Per il riconoscimento dei diritti sindacali di rappresentanza contro il pagamento a cottimo che schiavizza, contro il sistema premialità che spinge a lavorare sempre più e sempre più veloce, ci troviamo numerosi il 5 e 6 ottobre a presidiare e volantinare in due zone della città.

Appuntamenti

Gli appuntamenti indetti dal Rider Nidil CGIL sono:

  • 5 ottobre dalle ore 17 alle 19 in piazza statuto 16, fronte McDonald’s
  • 6 ottobre dalle 17 alle 19 via Livorno 48, fronte McDonald’s

Pubblicato da Nidil Cgil Torino su Martedì 29 settembre 2020

Riders bloccano il traffico di Torino, sotto un cielo plumbeo è un concerto di clacson VIDEO

 

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità