Torino - Polizia

Hashish e “maria” in quantità: altri due arresti

Presi altri due spacciatori: un nigeriano e un marocchino in manette; uno di loro rubava anche la corrente elettrica.

Hashish e “maria” in quantità: altri due arresti
Cronaca Torino, 16 Novembre 2020 ore 14:48

Altri due arresti della Polizia per possesso e spaccio di droga. Leggera finché si vuole (hashish e marijuana) ma pur sempre illegale. Gli agenti del Commissariato Dora Vanchiglia hanno messo le manette a due cittadini stranieri, un nigeriano e un marocchino, che gestivano la compravendita di “maria” e “fumo” nel loro giro.

Uno rubava la corrente elettrica

Uno dei due spacciatori rubava anche la corrente elettrica al suo palazzo. Sabato mattina un cittadino nigeriano di 24 anni è stato fermato mentre usciva dal suo appartamento per recarsi su un balconcino sul ballatoio. Al momento del controllo, l’uomo nascondeva la chiave per aprire la serratura nella mano destra. Tra i numerosi indumenti presenti  i poliziotti hanno trovato all’interno di una giacca un involucro contenente circa 30 grammi di marijuana. Alcuni frammenti della stessa sostanza sono stati rinvenuti sul tavolo della cucina mentre 2.000 euro in contanti erano nascosti in una scatola per il latte in polvere in un armadio della camera da letto. Durante il controllo, gli operatori hanno notato che il contatore dell’energia elettrica presentava la leva abbassata, ma la luce c’era. Grazie alle verifiche effettuate da personale Iren, è emerso come il nigeriano avesse creato un allaccio abusivo per rubare l’energia elettrica. Il ventiquattrenne è stato arrestato per detenzione di sostanza stupefacente e denunciato per furto.

Cinque etti di “Sinham”

Nel pomeriggio, la pattuglia del commissariato, transitando nei pressi di corso Giulio Cesare, ha notato un individuo uscire da uno stabile. Alla vista della Volante, l’uomo dapprima accelerava il passo per poi iniziare a correre, buttando via un mazzo di chiavi, recuperato in seguito dagli operatori. L’uomo, un cittadino marocchino di 39 anni, aveva nella sua giacca un panetto di hashish, denominato “Sinham”, del peso di circa 1 etto ed ulteriori 25 grammi della stessa sostanza. Utilizzando il mazzo di chiavi recuperato, gli agenti sono andati allo stabile dal quale lo straniero era stato visto uscire. Lì c’erano altri 4 panetti di hashish della stessa qualità e diversi frammenti sfusi per 450 grammi di sostanza in tutto. Irregolare in Italia e con diversi precedenti, il marocchino è stato arrestato.

Rapina, lesioni ed estorsione: così terrorizzavano la movida

LEGGI ANCHE: Estorsione a titolare agenzia pompe funebri, arrestate 4 persone

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità