Il Ceo Carlo Rosa

Diasorin: “Sospesa ricerca clinica in Italia finché non ci saranno regole chiare”

In piena emergenza sanitaria l'azienda ha sviluppato test molecolari rapidi capaci di diagnosticare il Covid-19: poi si è finiti in tribunale.

Diasorin: “Sospesa ricerca clinica in Italia finché non ci saranno regole chiare”
Torino, 27 Agosto 2020 ore 12:15

Si torna a parlare di Diasorin, multinazionale della diagnostica costituita 30 anni fa a Saluggia, al centro delle cronache in piena pandemia da Covid-19. Questa volta prende la parola Carlo Rosa – Ceo dell’azienda e figlio del fondatore Umberto – che spiega le ragioni per cui il colosso non porterà più avanti la ricerca clinica in Italia.

Il caso Diasorin

In piena emergenza sanitaria legata al coronavirus Diasorin ha sviluppato in tempi record test molecolari rapidi capaci di diagnosticare il Covid-19. La vicenda era però finita in tribunale quando il Tar aveva deciso l’annullamento del contratto siglato nel cuore dell’emergenza Covid fra l’azienda farmaceutica e la IRCSS pavese per lo studio e lo sviluppo dei test sierologici (di cui il San Matteo si era avvalso) ritenendo che si era leso il principio di concorrenza per l’assenza di un bando pubblico. Successivamente, però, il Consiglio di Stato ha sospeso il provvedimento e l’invio delle carte alla Corte dei Conti.

Stop alla sperimentazione clinica in Italia

Carlo Rosa ha posto l’accento su come in Italia ci siano ottimi medici e ricercatori ma il trasferimento tecnologico all’industria risulti essere quasi inesistente. E sulla vicenda giudiziaria che ha coinvolto Diasorin il ceo è tranciante:

“Una vicenda spiacevole, peraltro esplosa in piena pandemia a seguito di un ricorso di un’azienda concorrente. Finché non ci saranno regole chiare noi sospendiamo la ricerca clinica in Italia. Continuiamo in Germania, Francia e negli Usa. In Italia, no. Se lo Stato non chiarisce una volta per tutte le regole attraverso cui operatori privati e pubblici possono collaborare, allora per il biotech, e non solo, sarà difficile fare innovazione”. Ha dichiarato al Corriere della Sera.

La rabbia per i talenti sprecati

L’imprenditore ha anche sottolineato come i ricercatori nostrani risultano ancora più produttivi di quelli americani. L’auspicio è quello che si inizi presto a investire nel biotech, rendendolo una priorità del Paese. Non manca una riflessione finale sui 20 milioni stanziati dal governo per il Centro di trasferimento tecnologico per l’auto di Torino. Secondo Rosa è giusto sostenere l’automotive, ma l’industria del futuro è il biotech, che necessiterebbe, secondo le sue parole, di essere posto al centro dell’agenda della politica.

Si abbuffano al ristorante cinese poi scappano senza pagare: “Ci avete portato il Covid”

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità