Barriera Milano

Cocaina, eroina e crack nel calzino nascosto all’interno della scatola salvavita della corrente: arrestata coppia pusher

In una seconda operazione arrestato un  nigeriano trovato con 19mila euro e una trentina di grammi di droga.

Cocaina, eroina e crack nel calzino nascosto all’interno della scatola salvavita della corrente: arrestata coppia pusher
Cronaca Torino, 05 Dicembre 2020 ore 11:46

Quasi 20mila euro sequestrati dagli agenti del Commissariato Barriera Milano e arrestate tre persone per spaccio di sostanza stupefacente. Doppia operazione degli agenti del Commissariato Barriera Milano contro lo spaccio di sostanza stupefacente nelle aree del quartiere.

Arrestati coppia senegalesi

Mercoledì sera, gli agenti del commissariato hanno arrestato due cittadini senegalesi, una donna di 42 anni e un uomo di 33. Grazie ad attività info-investigativa gli agenti erano venuti a conoscenza che la coppia riforniva alcuni pusher loro connazionali. Dopo un’attività di osservazione, i poliziotti hanno fermato la coppia per strada, riuscendo a risalire al loro domicilio in via Cecchi.

La perquisizione

Nel corso della perquisizione dell’alloggio, i poliziotti hanno rinvenuto e sequestrato 145 grammi tra cocaina, eroina e crack occultati in un calzino posizionato all’interno della scatola salva vita della corrente elettrica. Gli agenti hanno anche trovato e sequestrato 545 euro in contanti. Altri 580 euro sono stati sequestrati a carico della coppia nel corso della perquisizione personale, 430 in possesso del trentatreenne e 150 della quarantaduenne.

Sequestrati quasi 19mila euro

Una seconda operazione era stata compiuta solo il giorno precedente quando nel corso di una perquisizione domiciliare in un alloggio di via Monte Rosa, gli agenti del Commissariato avevano trovato quasi 19.000 euro in denaro contante e oltre una trentina di grammi di cocaina e crack. L’uomo che occupava l’alloggio, un trentaseienne cittadino nigeriano è stato arrestato per spaccio di sostanza stupefacente.

LEGGI ANCHE Scarcerato il manager Roberto Ginatta: accolta la richiesta dei domiciliari

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità