Menu
Cerca
Resta in carcere

Aggiornamenti sul maniaco che ha baciato la bimba

Sarebbe lo stesso già segnalato in Largo Basilicata. Durissime le reazioni sui social: si invoca una sentenza esemplare.

Aggiornamenti sul maniaco che ha baciato la bimba
Cronaca Torino, 03 Dicembre 2020 ore 10:23

Aggiornamenti sul maniaco che ha baciato sulla bocca una bimba di 7 anni al parco Cavalieri di Vittorio Veneto. Tanto per cominciare è stato arrestato e resta in carcere. Poi si tratterebbe del secondo episodio del genere accaduto, e molto probabilmente con protagonista lo stesso figuro.

Il precedente in Largo Basilicata

In Largo Basilicata la bimba sventurata protagonista del fatto aveva solo 5 anni. Un uomo, che alcuni descrivono come “fortemente somigliante” a quello poi fermato al parco Cavalieri di Vittorio Veneto, l’ha presa e baciata in testa prima di allontanarsi tenendola in braccio.

Il nonno, svelto per fortuna, si è subito allarmato e lo ha bloccato. Si tratterebbe dunque di un tedesco, 37 anni, apparentemente senza fissa dimora (piuttosto trasandato quindi) e con una chitarra. Ci sono anche aggiornamenti sul modus operandi del maniaco: in entrambi i casi avvicina di soppiatto le bimbe, tutte rigorosamente sotto i 10 anni, per poi aggredirle.

Tutte e due le volte, e meno male, le piccole sono uscite illese dalla disavventura. Nel senso: senza ferite né lesioni fisiche di alcun genere, ma di sicuro con un trauma psicologico che bisognerà affrontare nelle opportune modalità. Magari anche con un sostegno piscologico che in questi casi le istituzioni (Forze dell’Ordine) offrono.

Le durissime reazioni sui social

Com’era logico attendersi, le due molestie ai danni delle bambine hanno scatenato una ridda di commenti e denunce sui social. In particolare sul gruppo locale del quartiere Santa Rita. Più di un utente ha invocato sentenze esemplari per casi come questo, altri si sono detti rassegnati perché tanto al colpevole non verrà fatto alcunché.

Altri ancora, più decisionisti e per così dire… “machisti”, si sono offerti per una punizione esemplare. Ecco alcuni esempi. Vania G: “Spero che lo tengano e buttino le chiavi della cella. La mia nipotina come tutti i bimbi sono terrorizzati”. Maria Rosaria D: “Vi confesso che sono molto preoccupata per i miei nipoti”. George V: “Perché non lo vedo sul fatto, vedi come gli apro il cranio”. Gio D: “Gli metto nel … la chitarra, resta fuori solo il manico”. Grazia D: “E’ già stato rilasciato, avevate dubbi?”. Raffaella L: “Uno schifo di persona”.

Il problema del contagio da Covid

Esecrabile la condotta di questo soggetto, che sicuramente ha grossi problemi mentali e di fatto spaventa innocenti bambini. Ma, negli aggiornamenti sul maniaco che ha baciato la bimba, c’è anche da tener presente il risvolto del contagio da Covid. Nel primo caso, con la bimba di 5 anni, il bacio sarebbe stato sulla testa (tentando però di portarsela via). Ma nel secondo, al parchetto in Santa Rita, lo scriteriato ha baciato sulla bocca la piccolina. Per questo la bimba è stata portata all’ospedale Regina Margherita e sottoposta al tampone naso-faringeo. Non certo una bella esperienza per la piccola, anche perché il tampone non è proprio… indolore. Un’esperienza cui è stata costretta contro la sua volontà e senz’alcuna ragione a causa del comportamento odioso di uno sconosciuto. Che, forse, andrebbe messo nelle condizioni di non nuocere.

LEGGI ANCHE: Donne ladre in azione nei supermercati torinesi

La distrazione di un attimo e uno sconosciuto bacia sulle labbra bambina di 7 anni