Pessime condizioni igieniche

Accumulatrice seriale di gatti nei guai: a casa sua 25 felini e una bambina

La donna, già a maggio scorso, era stata trovata con 42 bestie in casa e denunciata per maltrattamento di animali.

Accumulatrice seriale di gatti nei guai: a casa sua 25 felini e una bambina
Cronaca Torino, 10 Agosto 2021 ore 13:29

Denunciata di nuovo la accumulatrice seriale di gatti che tiene colonie di felini in casa propria in condizioni igieniche precarie (si potrà immaginare l'odore in quell'appartamento!). Questa volta, però, con lei e gli animali c'era anche una bambina di 9 anni il che peggiorala situazione.

Costringere una minore a vivere in quelle condizioni da... "gattara clochard" non è certo il massimo, né come educazione né come status igienico personale. La donna, che evidentemente potrebbe avere qualche problema psicologico, ha raccontato ai poliziotti che la piccola è figlia di suoi parenti che gliel'hanno lasciata lì visto che sono all'estero. Ma come,  i genitori vanno in vacanza e "abbandonano" la bambina da una gattara seriale in precarie condizioni igieniche? Mah...  Sia come sia, gli agenti hanno trovato due dei 25 gatti in pessime condizioni di salute: spelacchiati e cisposi, uno di loro non ha retto ed è morto prima di arrivare all'ambulatorio veterinario. Un altro micio è caduto dal cornicione sfracellandosi al suolo mentre si svolgevano i controlli.

Non è la prima volta che questa "signora" assurge agli onori della cronaca: a maggio 2021 la Polizia municipale, i Vigili del fuoco e l’Asl competente di zona avevano trovato ben 42 gatti nell’alloggio (di circa 70 metri quadri) e li avevano sequestrati denunciando la donna per maltrattamento di animali. Adesso l'aggravante di far vivere una bambina in quelle condizioni a dir poco estreme. Vedremo se le autorità competenti saranno in grado di intervenire con sanzioni davvero serie, così da scoraggiare una volta per tutte il disdicevole comportamento di questa accumulatrice seriale di gatti in casa.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: La ministra Lamorgese: impossibile controllare i Green pass