Incontro al vertice

Soluzione per la Basilica di Superga: il vescovo Nosiglia in Regione

I frati avevano posto come termine ultimo il 1* luglio per poter assicurare continuità alla gestione della storica struttura.

Soluzione per la Basilica di Superga: il vescovo Nosiglia in Regione
Attualità Torino, 23 Giugno 2021 ore 12:42

Verso la ricerca di una soluzione per il problema della Basilica di Superga. Il simbolo della "piemontesità" (com'è stato più volte definito) rischia di chiudere i battenti: colpa dell'inarrestabile calo di vocazioni e dei dissidi sorti ultimamente fra Curia, Comune di Torino e gestori.

Tre i soggetti coinvolti

Tre soggetti che, se andassero d'amore e d'accordo, potrebbero ben riuscire a far funzionare la storica (e mitica) località turistico-spirituale: il Comune di Torino ha il controllo demaniale, l'Ordine dei Servi di Maria assicura il conforto religioso, la ditta "Artis Opera" gestisce biglietteria e bar. I frati avevano posto come termine ultimo entro cui si sarebbero occupati dell'edificio il 1* luglio, che è dietro l'angolo. Avevano avvisato mesi fa, non è colpa dell'ordine religioso se si è arrivati così a ridosso della data dead-line. Ma si sa che le solite lungaggini burocratiche e il rincorrersi di impegni istituzionali possono sempre causare imprevisti. Ora si corre ai ripari: questa mattina, mercoledì 23 giugno 2021, si è svolto un summit in Regione tra il presidente del Consiglio regionale Stefano Allasia, e l’arcivescovo di Torino monsignor Cesare Nosiglia.

Massima disponibilità

Sul tavolo, le possibili proposte da prendere in considerazione per far funzionare ancora basilica, museo e struttura ricettiva (biglietteria / bar). Così Allasia:

“Ho dato la massima disponibilità per aiutare la Curia torinese a trovare una soluzione per evitare che la Basilica e tutto ciò che rappresenta per i piemontesi, dal punto di vista religioso, turistico e culturale, possa vivere delle difficoltà. Superga è nel cuore di tutti ed è compito delle istituzioni collaborare per tutelare questo patrimonio inestimabile”.

Belle parole, certo, forse un po' prevedibili: resterà da vedere come farà la Regione in concreto a... "salvare" Superga con l'aiuto della Curia e dell'associazione che gestisce la struttura. Questo dunque lo stato attuale dei fatti per quanto riguarda l'incontro in Regione per trovare una soluzione gestionale per la Basilica di Superga.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Vertice Pd a Roma: Lo Russo incontra Letta