Sicurezza stradale

Simulatore di incidenti in Piazza San Carlo: provare per credere

Intelligente campagna informativa dell'Anpas per scongiurare anche l'assunzione di bevande alcooliche e l'uso di cellulari alla guida.

Simulatore di incidenti in Piazza San Carlo: provare per credere
Attualità Torino, 21 Giugno 2021 ore 17:03

Guidare bene, con prudenza, per rischiare meno incidenti e giungere tranquilli a destinazione: anche con un simulatore di incidenti in piazza. E' questo il condivisibile intento dell'iniziativa dei volontari Anpas (Associazione Nazionale Pubbliche Assistenze) organizzata su tredici tappe in tutto il territorio nazionale. Fino al 28 giugno il tour attraverserà l'Italia per promuovere la prevenzione e l’educazione alla sicurezza stradale con il progetto “Buona strada”, realizzato con il finanziamento del Ministero del Lavoro.

Martedì 22 giugno 2021 il tour fa dunque tappa a Torino, in Piazza San Carlo a partire dalle 17.30 fino a tarda sera. La manifestazione che ha ottenuto il patrocinio di Città di Torino, della Città Metropolitana di Torino e della Regione Piemonte coinvolgendo anche la Polizia Municipale di Torino, la Polizia Stradale e la Protezione Civile.

In piazza San Carlo verranno date informazioni utili per prevenire gli incidenti stradali. Grazie alla presenza un Tir attrezzato si potranno simulare dei crash-test e dei ribaltamenti in auto. Sembra davvero un'esperienza da provare questa del simulatore di incidenti in piazza. Inoltre, i cittadini potranno provare dei percorsi indossando appositi occhiali che danno la percezione dello stato di ebbrezza. Chissà mai che finalmente si riesca a far capire che bere alcoolici è quanto di più dannoso ci sia prima di mettersi alla guida!

Dalla guida in stato di ebrezza alla distrazione: cosa non fare quando sei in strada. Tanti i comportamenti scorretti e pericolosi assunti da chi è in strada in auto, moto, in bicicletta o perfino a piedi. Da condannare parimenti all'assunzione di bevande alcoliche è anche l'uso dei cellulari alla guida: ci si distrae con effetti negativi sulla sicurezza stradale.

Per la realizzazione della lodevole iniziativa va ringraziata l'associazione che riunisce i volontari delle autoambulanze. Il Comitato Regionale del Piemonte rappresenta oggi 82 associazioni di volontariato con nove sezioni distaccate, ben 595 dipendenti stipendiati, 433 autoambulanze, 220 automezzi per disabili; ogni anno vengono svolti 493.795 servizi.

(nella foto di copertina, un simulatore di ribaltamenti in auto)