La classifica

Qualità della vita, Torino non è una città per giovani: al 72° posto in Italia

Canoni di locazione alti, sempre meno matrimoni e avanza l'età media del parto

Qualità della vita, Torino non è una città per giovani: al 72° posto in Italia
Pubblicato:
Aggiornato:

Sondrio, Gorizia e Trento si distinguono come le province italiane che offrono la migliore qualità della vita rispettivamente per bambini, giovani e anziani. Questi risultati emergono dall’edizione 2024 degli Indici generazionali del Sole 24 Ore, presentati in anteprima al Festival dell’Economia di Trento.

Come racconta il nostro portale nazionale News Prima, la quarta edizione di questa analisi si focalizza sulle risposte dei territori alle esigenze specifiche delle fasce d’età più fragili e strategiche, valutando i servizi offerti e le condizioni di vita e di salute.

Ma com'è la situazione in provincia di Torino? Scopriamolo per fascia d'età.

Qualità della vita per i bambini: Sondrio prima, Torino 55esima

L’indice della qualità della vita per i bambini premia Sondrio, protagonista di un significativo balzo in avanti rispetto all’edizione precedente. Questo progresso è attribuito all’alto posizionamento negli indicatori che misurano la competenza numerica e alfabetica, entrambe ben sviluppate in Valtellina, e nell’indice sport e bambini. Seguono sul podio Ravenna e Trieste con Gorizia poco distante.

Gli ultimi posti della classifica sono occupati invece dai capoluoghi dalle province siciliane di Agrigento, Ragusa, Catania e PalermoFanalino di coda, Crotone. L’indice per svolgere l'analisi è composto da dodici indicatori. Torino si piazza a metà classifica, al 55esimo posto su 107 province.

 

La tabella della qualità della vita per i bambini con i primi cinque e gli ultimi cinque posti:

Classifica bambini Provincia Punteggio
1 Sondrio 526,2
2 Ravenna 519,7
3 Trieste 517,5
4 Gorizia 507,9
5 Udine 503,9
55 Torino 387
103 Agrigento 230,8
104 Ragusa 230,8
105 Catania 226,5
106 Palermo 212,4
107 Crotone 176,5

Qualità della vita per i giovani: Gorizia prima, Torino 72esima

Per quanto riguarda i giovani, Gorizia si posiziona al primo posto seguita da Ravenna che conferma la sua forte presenza con un secondo posto anche quest’anno dopo aver vinto nel 2023, e Forlì-Cesena. La top 10 di questo indice è dominata dalle province dell’Emilia-Romagna, con Ferrara e Piacenza che si aggiungono alle già citate mantenendo una performance generalmente positiva. Ottima prestazione anche per Cremona al quinto posto per Bolzano al sesto. La situazione in graduatoria è invece molto più critica per le province del sud della Sardegna che sono all'ultimo posto.
Male anche per le pugliesi Taranto, Brindisi e Foggia. Generalmente, escluso qualche caso isolato come Vibo Valentia al 26esimo posto, le province del sud Italia non sono il posto migliore in cui vivere per i giovani. Il nord Italia ha infatti le realtà più agevoli. Ma di queste realtà non fa certo parte la nostra provincia che scivola al 72esimo posto su 107.

 

Ma che cosa proprio non funziona? Sicuramente i canoni di locazione e mancano anche amministratori comunali under 40, nonostante i residenti della provincia siano giovani, il dato infatti ci piazza al 15° posto in classifica.

La tabella della qualità della vita per i giovani con i primi cinque e gli ultimi cinque posti:

Classifica giovani Provincia Punteggio
1 Gorizia 586,6
2 Ravenna 585,6
3 Forlì-Cesena 579,5
4 Ferrara 579,2
5 Cremona 555,2
55 Torino 422
103 Foggia 353,2
104 Reggio Calabria 351,4
105 Brindisi 336,2
106 Taranto 287,3
107 Sud Sardegna 265,7

Qualità della vita per gli anziani: Trento prima, Torino 43esima

Trento mantiene la leadership nella qualità della vita per gli anziani in cui era al primo posto anche l'anno scorso. Netta la prevalenza delle province del nord Italia in testa alla classifica. Oltre a Trento, tra le prime dieci figurano ben tre province lombarde. Si tratta di Lodi, Como e Cremona e quattro venete (Treviso, Vicenza, Padova e Verona) oltre a Bolzano. Al nord le province messe peggio sono quelle di Verbano Cusio Ossola in Piemonte al 100esimo posto e Gorizia al 79esimo mentre, generalmente, le altre città settentrionali occupano le posizioni migliori. Torino, ad esempio, è al 43esimo posto.

Gli ultimi cinque posti della classifica sono occupati da Lucca che è 107esima su 107, Messina, Reggio Calabria, Vibo Valentia e Grosseto.

 

 

A Torino è allarme solitudine, per quanto riguarda questo le persone sole infatti, la nostra provincia è al 92°posto, male anche il consumo di farmaci per depressione e l'esposizione all'inquinamento acustico. Si risale la classifica per quanto riguarda i posti letto nelle Rsa e le utenze dei servizi sociali comunali.

La tabella della qualità della vita per gli anziani con i primi cinque e gli ultimi cinque posti:

Classifica anziani Provincia Punteggio
1 Trento 632
2 Como 593
3 Cremona 587,8
4 Bolzano 576,3
5 Treviso 567,7
43 Torino 437
103 Grosseto 316,4
104 Vibo Valentia 313
105 Reggio Calabria 307,5
106 Messina 307,2
107 Lucca 295,2

Le tendenze nella distribuzione del benessere

Gli indici generazionali confermano tendenze consolidate nella distribuzione del benessere territoriale in Italia. Le province del Sud si trovano frequentemente in fondo alla classifica, con l'aggiunta di Lucca che chiude l’indice per gli anziani. Le grandi aree metropolitane mostrano performance mediocri, soprattutto in termini di benessere giovanile, con Bologna e Firenze come eccezioni. Le grandi città come Milano, Bari, Catania, Napoli, Palermo e Roma registrano punteggi bassi, con Roma al 98° posto.

I dati storici evidenziano sfide crescenti: il numero di pediatri è in calo, con una diminuzione da 17.257 nel 2023 a 16.806 nel 2024. Le competenze numeriche e alfabetiche non adeguate mostrano solo lievi miglioramenti, mentre i delitti a danno di minori sono in aumento. Per i giovani, si osserva una diminuzione della disoccupazione giovanile e dei canoni d’affitto, ma anche una riduzione dei matrimoni e delle imprese giovanili. L’età media al parto continua a salire, mentre per gli anziani aumentano il consumo di farmaci antidepressivi e il numero di geriatri, con una contemporanea diminuzione degli infermieri.

In sintesi, l’edizione 2024 degli Indici generazionali del Sole 24 Ore offre uno spaccato dettagliato e complesso della qualità della vita per diverse fasce d’età in Italia, evidenziando progressi e criticità nei vari territori del Paese.

Foto copertina: Antonio Sessa su Unsplash

Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali