BLITZ NELLA NOTTE

Imbrattata la sede dei Moderati a Torino

Insulti e bestemmie sulla vetrina del comitato elettorale.

Imbrattata la sede dei Moderati a Torino
Attualità Torino, 18 Agosto 2021 ore 12:40

La campagna elettorale per le elezioni comunali di Torino entra sempre più nel vivo e, come sempre, non mancano insulti alle forze politiche e ai politici. Dopo gli insulti alla candidata della coalizione composta dal "Movimento 5 Stelle" e di "Europa Verde Torino - Verdi", Valentina Sganga, ora è stata la volta dei Moderati.

E' stata, infatti, imbrattata il 17 agosto scorso, la vetrina della sede di Torino,  di via Valperga Caluso 16, con insulti e bestemmie.

Il commento sui social

Su Facebook, i due leader dei Moderati, Carlotta Salerno e Silvio Magliano, in una nota congiunta commentano cosi l'accaduto:

!!Imbrattata la sede dei Moderati: rispondiamo con un sorriso!!
Rispondiamo con un sorriso alle parole offensive e blasfeme scritte con vernice rossa sulla vetrina della sede dei Moderati, in via Valperga Caluso 16 a Torino: il gesto meschino di una mano anonima costituisce anzi l'ennesima prova che una posizione politica moderata e di buon senso è in questo momento e in questa città quanto mai necessaria. È evidente, da parte dell'anonimo autore, l'intento di colpire valori e storia dei Moderati: ma questo atto di vandalismo altro non fa che squalificare chi lo ha commesso. Cancelleremo immediatamente le scritte e continueremo più che mai ad impegnarci per Torino. L'unico estremismo nel quale ci identifichiamo è quello del buon senso, l’unico antidoto ad attacchi meschini il lavoro e il sorriso.

Il commento social

Ancora incerto alle Elezioni amministrative di Torino 2021 il futuro per il movimento politico dei Moderati, che potrebbe anche uscire dall'orbita del centrosinistra, candidare in solitaria proprio Carlotta Salerno o addirittura allearsi con Damilano e il centrodestra. Le urne si apriranno il 3 e 4 ottobre 2021.

LEGGI ANCHE: Pesanti insulti sessisti sui manifesti della candidata sindaco Sganga: solidarietà di Appendino