Attualità
Quartiere Lucento

Cento persone e volo di palloncini bianchi al funerale del rapinatore ucciso

Il sacerdote durante l'omelìa dal pulpito ha chiesto "gioia e pace eterna" per Giuseppe Mazzarino.

Cento persone e volo di palloncini bianchi al funerale del rapinatore ucciso
Attualità Torino, 14 Maggio 2021 ore 13:02

Ben cento persone al funerale del rapinatore ucciso a Grinzane Cavour dal gioielliere per legittima difesa. Farà discutere la notizia delle esequie, molto partecipate e coreografiche, del pregiudicato 58enne Giuseppe Mazzarino per il quale sono anche stati liberati in aria decine di palloncini bianchi.

Cerimonia a Lucento

La cerimonia è stata celebrata nella chiesa del quartiere Lucento, dove il rapinatore abitava. Le parole del sacerdote dal pulpito sembravano quasi adatte a un brav'uomo, e comunque improntate al classico perdono cristiano: "Dio abbia pietà di lui, cancelli il male che ha fatto in quanto persona e gli conceda gioia e pace eterna". In tanti, fra conoscenti, parenti e amici, hanno voluto accompagnare la salma al cimitero sulle note di una melodica canzone di Eros Ramazzotti.

Martedì a Bra si erano svolte le esequie anche dell'altro rapinatore ucciso, Andrea Spinelli di 44 anni. Intanto l'orefice vittima della rapina che ha reagito sparando, Marco Roggero, rimane indagato per eccesso colposo di legittima difesa e molto probabilmente passerà dei guai giudiziari. Da chiarire soprattutto le modalità della sua reazione.

Quanti colpi a testa?

Quanti colpi ha sparato in tutto? Ha colpito di fronte? Da quanti proiettili sono stati colpiti i delinquenti? Se fosse una pallottola a testa, sarebbe un conto; se le ferite letali fossero di più potrebbe cambiare qualcosa.

Certo pretendere di mantenere la calma e di "proporzionare la reazione" durante una concitata rapina a mano armata sembra davvero difficile. Sia come sia, a dispetto di quanto si potrebbe credere, c'erano ben cento persone al funerale del rapinatore ucciso in un clima di partecipazione e solidarietà che forse pochi si sarebbero attesi. Nel frattempo, prosegue la raccolta fondi organizzata dalla Scuola Orologiai Torino per attestare vicinanza al gioielliere Roggero: già raccolti circa 9.200 euro che serviranno a pagare le spese legali.