Eventi
Dal 6 aprile 2022 al 16 gennaio 2023

Al Museo del Cinema di Torino in mostra Dario Argento (e i suoi incubi)

In esposizione immagini dai film, il dietro le quinte e oggetti entrati ormai nel mito.

Al Museo del Cinema di Torino in mostra Dario Argento (e i suoi incubi)
Eventi Torino, 06 Aprile 2022 ore 10:20

Il Museo del Cinema celebra in una mostra il grande regista di film horror Dario Argento: l'esposizione sarà visitabile dal 6 aprile e fino al 16 gennaio 2023.

Il Museo del Cinema celebra in una mostra Dario Argento e i suoi incubi

Il Museo Nazionale del Cinema e Solares Fondazione delle Arti presentano la prima grande mostra dedicata a un maestro del cinema: il regista, sceneggiatore e produttore Dario Argento (Roma, 1940). DARIO ARGENTO - THE EXHIBIT è ospitata alla Mole Antonelliana di Torino - sede del Museo Nazionale del Cinema, ed è curata da Domenico De Gaetano Marcello Garofalo, in omaggio al genio e all’opera del cineasta, visionario maestro del thriller.

Il celebre manichino di Profondo Rosso creato da Carlo Rambaldi

L'esposizione è un percorso cronologico attraverso tutta la sua produzione, dagli esordi de L’uccello dalle piume di cristallo (1970) al suo ultimo lavoro Occhiali neri (2022), recentemente presentato al Festival del Cinema di Berlino nella sezione Special Gala. La mostra sarà aperta al pubblico da mercoledì 6 aprile 2022 a lunedì 16 gennaio 2023.

Per la prima volta un progetto espositivo compone un completo e articolato discorso visivo sull'immaginario che il regista romano ha portato sullo schermo nel corso del proprio cinquantennale viaggio nei perturbanti territori dell’incubo.

Dario Argento alla presentazione

Cosa si potrà vedere

Le proiezioni presentano photogallery, sequenze e montaggi tratti dalle sue opere, documentazione sugli effetti speciali e sulla musica nei suoi film. Le fotografie sul set rivelano l’artificio e la potenza della messa in scena. I video restituiscono il rapporto di Argento con la musica e l’arte evidenziando anche i tributi rivolti a registi da lui molto amati, come Lang e Hitchcock, così come i frequenti riferimenti a quadri, fumetti, opere letterarie e oggetti di design.

Sulla rampa espositiva della Mole il visitatore troverà un’imponente messe di memorabilia argentiani: 44 oggetti di scena, 12 preziosi manifesti e locandine originali del Museo Nazionale del Cinema, bozzetti scenografici, creature meccaniche, fotografie inedite e molto altro.

VISITA LA MOSTRA VIRTUALMENTE INSIEME A NOI:

_STE0134
Foto 1 di 26
_STE0137
Foto 2 di 26
_STE0138
Foto 3 di 26
_STE0140
Foto 4 di 26
_STE0141
Foto 5 di 26
_STE0142
Foto 6 di 26
_STE0143
Foto 7 di 26
_STE0144
Foto 8 di 26
_STE0159
Foto 9 di 26
_STE0190
Foto 10 di 26
_STE0214
Foto 11 di 26
_STE0216
Foto 12 di 26
_STE0233
Foto 13 di 26
_STE0244
Foto 14 di 26
_STE0252
Foto 15 di 26
_STE0256
Foto 16 di 26
_STE0261
Foto 17 di 26
_STE0279
Foto 18 di 26
_STE0292
Foto 19 di 26
_STE0310
Foto 20 di 26
_STE0319
Foto 21 di 26
_STE0322
Foto 22 di 26
_STE0353
Foto 23 di 26
_STE0354
Foto 24 di 26
_STE0355
Foto 25 di 26
_STE0385
Foto 26 di 26

I pezzi esposti provengono dalle collezioni del Museo Nazionale del Cinema, dell'Archivio Fotografico della Cineteca Nazionale - Centro Sperimentale di Cinematografia e di numerosi collezionisti privati, con importanti contributi da parte di professionisti del cinema quali Sergio Stivaletti, effettista di molti film di Argento da Phenomena del 1985 in poi, Luigi Cozzi, stretto collaboratore di Argento fin dagli esordi, Franco BellomoPupi OggianoGabriele Farina e Carlo Rambaldi, uno dei più importanti artisti degli effetti speciali a livello mondiale.

TUTTE LE INFO SULLA MOSTRA E SUI BIGLIETTI QUI

Quando ha appreso la notizia di questa mostra, Dario Argento ha espresso grande soddisfazione:

“Nel corso della mia carriera, iniziata nell’ormai lontano 1970, ho avuto modo di ricevere diversi apprezzamenti in tutto il mondo, specialmente in Francia, in America, in Giappone; in Italia di recente mi hanno consegnato il David di Donatello alla carriera, ma questo omaggio che il Museo del Cinema di Torino mi dedicherà, mi entusiasma in particolar modo, non solo perché si svolgerà in una città da me molto amata, dove ho avuto modo di girare diversi film e in una sede prestigiosa quale è il Museo del Cinema, ma perché, grazie al lavoro accuratissimo che gli organizzatori e i curatori dell’evento stanno svolgendo avrò la possibilità di far conoscere anche ai più giovani l’intero mio percorso cinematografico, accompagnandoli all’interno del mio ‘cinema idealista’, fatto di incubi, sogni e visioni, ove la grigia realtà non è mai arrivata e mai ci arriverà. In un film che ho realizzato nel 1993, Trauma, mentre scorrono i titoli di coda l’obiettivo si sposta, continuando a raccontare possibili inizi di altre vicende. Questo perché mi piace credere che i miei film possano conquistare un grande spazio nella memoria dei miei spettatori, diventando anche dopo la visione un tutt’uno con la loro vita. Credo che questa mostra possa rendere ancora più realizzabile, luminoso e concreto questo mio desiderio”.

"Stella della Mole"

In occasione della conferenza stampa di inaugurazione del progetto espositivo, tenutasi nella serata di ieri alla presenza del regista, il Museo Nazionale del Cinema di Torino ha omaggiato il genio e l’opera del cineasta, visionario maestro del thriller, con il conferimento della Stella della Mole.

“Uno dei Maestri del cinema italiano più conosciuti e apprezzati a livello internazionale. Un regista, ma anche un artista”, viene definito da Enzo Ghigo, presidente del Museo Nazionale del Cinema di Torino.

ALTRE IMMAGINI IMPERDIBILI:

07_Dario Argento con Giuseppe Rotunno sul set de “La Sindrome di Stendhal” (Archivio Bellomo)
Foto 1 di 9

Dario Argento con Giuseppe Rotunno sul set de “La Sindrome di Stendhal” (Archivio Bellomo)

03_Immagine da Archivio Bellomo
Foto 2 di 9

Immagine da Archivio Bellomo

02_Bozzetto originale del film Il gatto a nove code di Dario Argento, utilizzato per la stampa dei flani e dei 250 manigesti 24 fogli_proprietà di Marco Strada
Foto 3 di 9

Bozzetto originale del film Il gatto a nove code di Dario Argento, utilizzato per la stampa dei flani e dei 250 manigesti 24 fogli_proprietà di Marco Strada

05_Clara Calamai sul set di “Profondo Rosso” (Archivio Bellomo)
Foto 4 di 9

Clara Calamai sul set di “Profondo Rosso” (Archivio Bellomo)

06_Dario Argento sul set di “Profondo Rosso” (Archivio Bellomo)
Foto 5 di 9

Dario Argento sul set di “Profondo Rosso” (Archivio Bellomo)

21_Cristina Marsillach in Opera (1987) _Foto di Franco Bellomo
Foto 6 di 9

Cristina Marsillach in Opera (1987) _Foto di Franco Bellomo

22_Dario Argento sul set di Suspiria (1977)_Foto di Franco Bellomo
Foto 7 di 9

Dario Argento sul set di Suspiria (1977)_Foto di Franco Bellomo

24_Inferno_Daria Nicolodi_Foto di Franco Bellomo Fondo Reporters Associati_©️Archivio Fotografico Cineteca Nazionale CSC
Foto 8 di 9

Inferno_Daria Nicolodi_Foto di Franco Bellomo Fondo Reporters Associati_©️Archivio Fotografico Cineteca Nazionale CSC

25_Jennifer Connely in Phenomena (1985) Foto di Franco Bellomo
Foto 9 di 9

Jennifer Connely in Phenomena (1985) Foto di Franco Bellomo

Seguici sui nostri canali