TEMPO LIBERO

Cosa fare a Torino e provincia: gli eventi del weekend (8 - 9 giugno 2024)

Una selezione di appuntamenti per il prossimo fine settimana

Cosa fare a Torino e provincia: gli eventi del weekend (8 - 9 giugno 2024)
Pubblicato:
Aggiornato:

Gli appuntamenti imperdibili per il prossimo fine settimana a Torino e provincia: i nostri consigli per sabato 8 e domenica 9 giugno 2024.

Se invece volete fare un giro fuori zona cliccate qui per gli eventi di sabato 8 e domenica 9 giugno 2024 in Piemonte.

Cosa fare a Torino: gli eventi del weekend (8-9 giugno 2024)

TORINO. TFN Torino Fight Night

  • Sabato 8 giugno 2024 - Pala Ruffini

Si terrà sabato 8 giugno 2024 al Pala Gianni Asti (già Pala Ruffini) la Torino Fight Night, un evento innovativo che porterà sul ring torinese alcuni dei migliori fighters europei. Un evento unico nel suo genere e proiettato nel futuro, poiché non ci saranno match di una sola disciplina ma si alterneranno boxe, Muai Thay, K1 e grappling. Nel programma match di tutte le età, vari pesi e verrà dato ampio spazio ai match femminili. TFN è un evento per tutti. Informazioni e biglietti disponibili su www.torinofightnight.it.

Un modo innovativo di vivere il fighting adatto a tutti e non al solo popolo delle palestre, una ottima occasione per avvicinarsi in modo serio agli sport da combattimento per tutta la famiglia.

TFN Torino Fight Night

TORINO. Archivissima Festival

  • Dal 6 al 9 giugno 2024 - luoghi diffusi

Il primo festival italiano dedicato alla promozione dei patrimoni conservati negli archivi storici di enti, istituzioni e imprese. Oltre 450 enti, circa 180 eventi, un palinsesto interamente dal vivo a Torino e centinaia di contenuti digitali inediti. Maggiori info e programma CLICCANDO QUI.

Archivissima

TORINO. Torino anni '50, la grande stagione dell'informale

  • Fino al 1° settembre 2024 - Museo di Arti Decorative

La mostra curata da Francesco Poli concentra l’attenzione su una fase fondamentale per il rinnovamento artistico della scena artistica tra gli anni ‘40/50 del Novecento: la grande stagione dell’Informale. Negli anni’ 50, come in tutta Europa, anche in Italia si afferma un nuovo linguaggio di libera espressività soggettiva che si oppone al novecentismo del ventennio precedente e va al di là dell’acceso dibattito fra realismo e astrattismo geometrico dell’immediato dopoguerra. In mostra sono esposte oltre settanta opere di cinquanta artisti italiani e stranieri. Tra i pittori e gli scultori attivi nella situazione torinese ci sono gli astrattisti del MAC (tra cui Albino Galvano, Adriano Parisot, Filippo Scroppo, Carol Rama, Paola Levi Montalcini) e i protagonisti dell’informale come Luigi Spazzapan, Umberto Mastroianni, Mattia Moreni, Piero Ruggeri, Sergio Saroni, Giacomo Soffiantino, Mario Merz, Pinot Gallizio e Piero Simondo. Orari: Martedì, mercoledì e venerdì 10-18; Giovedì 10-20; Sabato, domenica e festivi 10-19. La biglietteria chiude mezz’ora prima. Lunedì chiuso. Maggiori info e biglietti online CLICCANDO QUI.

Torino anni '50

TORINO. Henri de Toulouse Lautrec - Il mondo del circo e di Montmartre

  • Fino al 21 luglio 2024 - Mastio della Cittadella

Manifesti, litografie e illustrazioni, tutte provenienti da collezioni private, comporranno, unitamente a quella multimediale, le cinque sezioni in cui sarà suddivisa la mostra dal titolo: Henri de Toulouse Lautrec - Il mondo del circo e di Montmartre. L’esposizione curata dallo spagnolo Joan Abelló, con il coordinamento tecnico-scientifico di Vittoria Mainoldi, presenterà ben 112 opere che consentiranno al pubblico di rivivere l’atmosfera della Belle Époque francese, ma, soprattutto, di approfondire le dinamiche personali dell'autore, la sua filosofia di vita, il suo rispetto per gli altri e le qualità di un uomo colto che ha saputo apprezzare, comprendere e capire la complessità dell'essere umano in tutte le sue dimensioni. Negli spazi allestiti al Mastio della Cittadella il percorso espositivo, che sarà realizzato in 5 sezioni: I manifesti e le illustrazioni; Le Donne ed Elles; Il circo; I ritratti e L’esperienza multimediale, ripercorre la breve vita e l’attività artistica del giovane aristocratico Henri de Toulouse - Lautrec, riconosciuto come uno degli artisti bohémien più rappresentativi dell’epoca. Tra le 112 opere in esposizione, saranno presenti 28 lavori grafici tra manifesti e illustrazioni (8 manifesti, 19 illustrazioni a stampa litografica e 1 opuscolo originale), inclusi nella prima sezione. Aperto tutti i giorni con orario continuato (lun-ven 9:30-19:30; sabato, domenica e festivi 9:30-20:30) sino al 21 luglio. Prevendita on-line: www.ticketone.it. Info: www.navigaresrl.com.

Henri de Toulouse Lautrec - Il mondo del circo e di Montmartre

TORINO. L’autoritratto di Leonardo. Storia e contemporaneità di un capolavoro

  • Fino al 30 giugno 2024 - Biblioteca Reale

L’esposizione presenta oltre 60 opere, delle quali 15 originali di Leonardo, tra cui spiccano 6 fogli del Codice Atlantico realizzati in Francia, nel periodo in cui disegnava il suo celebre Autoritratto. Maggiori info CLICCANDO QUI.

L’autoritratto di Leonardo. Storia e contemporaneità di un capolavoro

TORINO. Guercino

  • Fino al 28 luglio 2024 - Musei Reali, Sale Chiablese

Fino al 28 luglio 2024 presso le Sale Chiablese dei Musei Reali appuntamento con la mostra di Giovanni Francesco Barbieri detto il Guercino. Un evento spettacolare e di grande originalità curato da Annamaria Bava dei Musei Reali e da Gelsomina Spione dell’Università di Torino, con un comitato scientifico di prestigio, cui partecipano: Daniele Benati, David García Cueto, Barbara Ghelfi, Francesco Gonzales, Fausto Gozzi, Alessandro Morandotti, Raffaella Morselli, Sofia Villano. Al centro dell’esposizione è il mestiere del pittore nel Seicento esemplificato sulla figura di uno dei maggiori protagonisti della scena artistica dell’epoca. Ripercorrendo temi e aspetti che attraversano tutta la carriera del Maestro, grazie a capolavori di primo piano, la mostra intende dare conto più in generale della professione del pittore a quel tempo: le sfide del mestiere, i sistemi di produzione, l’organizzazione della bottega, le dinamiche del mercato e delle committenze, i soggetti più richiesti. Orari: dalle 10 alle 19 - Info e prenotazioni: +39 011 19560449; info.torino@coopculture.it. Maggiori info CLICCANDO QUI.

Guercino ai Musei Reali

TORINO. Mythos: Creature Fantastiche

  • Fino al 7 luglio 2024 - Antiche Ghiacciaie presso il Mercato Centrale Torino, Piazza della Repubblica 25

Esperienza che porta in viaggio attraverso i confini della realtà e della fantasia, un'immersione nel passato e nel cuore delle leggende millenarie che hanno plasmato l'immaginario culturale dell'umanità. Maggiori info e biglietti CLICCANDO QUI.

Mythos: Creature Fantastiche

TORINO. Dinosauri

  • Fino al 30 giugno 2024 - Stazione Porta Nuova, Sala degli Stemmi

Presso la Stazione di Torino Porta Nuova è in arrivo un'immersione preistorica senza precedenti. Oltre 20 dinosauri eccezionali, pronti a sorprendere e incantare con il loro fascino preistorico. Dettagli unici, come gli artigli del terizinosauro lunghi fino a 1 metro e il misterioso Badajasauro con oltre venti corna sul collo. Un'immersione totale in un mondo preistorico, grazie a una ricostruzione avvincente con esemplari in dimensioni originali, fossili autentici, impronte, effetti sonori e video coinvolgenti. Orari: 10.00-19.00. Maggiori info e biglietti CLICCANDO QUI.

Dinosauri

TORINO. Liberty. Torino Capitale

  • Fino al 10 giugno 2024 - Palazzo Madama

Oltre 100 opere che raccontano il fondamentale ruolo di Torino per l’affermarsi del Liberty, un’arte che ha dato un'impronta architettonica e artistica alla capitale sabauda poi diffusa in tutto il mondo. Info e biglietti CLICCANDO QUI.

Liberty. Torino Capitale

VENARIA REALE. Igloo di Mario Merz

  • Fino a ottobre 2024 - Reggia di Venaria

La reggia ospita il Doppio Igloo di Porto (1998) di Mario Merz presso la Fontana del Cervo nella Corte d'Onore. L'opera richiama in modo diretto l'ambiente naturale sia attraverso l'impiego delle fascine - una presenza costante nella produzione dell'artista fin dagli anni '70, sia attraverso la presenza del cervo, la cui figura maestosa è resa ancora più espressiva dal numero 'Fibonacci' 10946 posizionato sul fianco dell'animale, qui in fusione di alluminio. Maggiori info CLICCANDO QUI

Igloo di Mario Merz
Commenti
Lascia il tuo pensiero

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici sui nostri canali