Tempo libero
Tempo Libero

Cosa fare a Torino e provincia: gli eventi del weekend (16 e 17 ottobre 2021)

I nostri suggerimenti per il terzo fine settimana di ottobre.

Cosa fare a Torino e provincia: gli eventi del weekend (16 e 17 ottobre 2021)
Tempo libero Torino, 14 Ottobre 2021 ore 11:17

Gli appuntamenti imperdibili per il fine settimana in arrivo a Torino. Ecco i nostri consigli per sabato 16 e domenica 17 ottobre 2021.

Cosa fare a Torino: gli eventi del weekend (16 e 17 ottobre 2021)

TORINO. Salone Internazionale del Libro

  • Dal 14 al 18 ottobre 2021 - Lingotto Fiere

Il Salone del Libro riparte e torna in presenza con la sua XXXIII edizione. Nel settecentesimo anniversario dantesco e dopo un anno e mezzo senza precedenti nella storia contemporanea, il Salone torna ad accogliere grandi nomi della scena culturale mondiale per ripartire ragionando insieme sulla nuova vita che ci aspetta. E così la città di Torino torna a essere per cinque giorni una delle capitali mondiali della cultura, senza avere mai perso il rapporto con la comunità di lettori, editori, scuole del Salone, ma potendo finalmente ritrovarsi fisicamente.

LEGGI ANCHE: Salone del Libro: torna in presenza con spazi extra large

TORINO. Graphiquote

  • Dal 15 al 29 ottobre 2021 - Circolo del Design di Torino in via San Francesco da Paola

15 cartoline illustrate ispirate a 15 capolavori lirici che hanno fatto la storia della letteratura mondiale: la mostra «GraphiQuote - A postcard novel» promossa dal progetto indipendente This Is Not A Love Song in collaborazione con minima & moralia e Circolo del Design di Torino coinvolge 15 autrici, ognuna delle quali ha scelto un passaggio emblematico di un romanzo, racconto o poesia carpendone il mood e la potenza immaginifica fissandola artisticamente sulla cartolina. «GraphiQuote» è un atto d’amore artistico verso quegli scorci letterari che avremmo voluto sempre fissare materialmente nel tempo e nello spazio.

L'esposizione, ospitata al Circolo del Design di Torino in via San Francesco da Paola 17 dal 15 al 29 ottobre 2021, si sviluppa in 15+15 stampe da 30x45 cm. Ogni cartolina è composta dall'illustrazione sul fronte e dal testo dell'opera alla quale è ispirata sul retro. Queste saranno poi disponibili allo stand This Is Not A Love Song (TINALS) all'interno del Salone Internazionale del Libro di Torino dal 14 al 19 ottobre 2021 e verranno date in omaggio a chiunque acquisterà prodotti TINALS. Successivamente saranno regalate con ogni acquisto fatto sul sito www.thisisnotalovesong.it fino al 31 dicembre 2021.

La mostra sarà visitabile a partire dalle ore 14.00 del 15 ottobre, fino al 29 ottobre 2021, tutti i giorni dal lunedì a venerdì dalle 14.00 alle 19.00 al Circolo del Design.

TORINO. Giornate Fai d'Autunno

  • Sabato 16 e domenica 17 ottobre 2021

Sabato 16 e domenica 17 ottobre 2021 verranno aperti alle visite luoghi solitamente inaccessibili o poco noti. Un’opportunità per godere delle bellezze d’Italia, attraverso itinerari culturali condotti in totale sicurezza. Tutti i visitatori potranno sostenere il FAI Fondo Ambiente Italiano, che da 46 anni è impegnato in attività di restauro, tutela, valorizzazione del patrimonio d’arte e naturale. Potranno farlo attraverso il contributo all’atto della prenotazione, con il contributo libero in loco e attraverso l’iscrizione al FAI, che per le Giornate verrà proposta con uno sconto di 10 euro. Per garantire il pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, i gruppi di visita avranno posti limitati. E’ quindi consigliabile prenotare online su www.giornatefai.it, con le date e gli orari di visita di tutti i beni.

Al momento della prenotazione on line, sarà richiesto un contributo libero a partire da 3€ e sarà possibile scegliere l’orario di visita e avere assicurato l’ingresso ai beni in totale sicurezza. Per l’ingresso ai beni è obbligatorio il Green Pass, anche per i percorsi all’aperto.

LEGGI ANCHE: Giornate Fai d'Autunno, i gioielli da scoprire a Torino (e in Piemonte)

TORINO. Photocall. Attrici e attori del cinema italiano: la mostra al Museo del Cinema

  • Fino al 7 marzo 2022 - Museo del Cinema Italiano

Il Museo Nazionale del Cinema, in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino, rende omaggio al cinema di ieri e di oggi con “Photocall. Attrici e attori del cinema italiano”. La mostra fotografica ripercorre oltre un secolo di cinema italiano attraverso i corpi e i volti delle attrici e degli attori che lo hanno reso famoso in tutto il mondo. In esposizione immagini, apparecchi, riviste e brochure, insieme alle immagini di fotografi contemporanei come Stefano Guindani, Riccardo Ghilardi, Sabina Filice, Philippe Antonello, Stefano Montesi, al progetto Giant Polaroid di Claudio Canova e alle opere di Marco Innocenti: oltre 250 riproduzioni fotografiche, 71 stampe originali e più di 150 scatti nelle video gallery. La mostra si estende alla cancellata della Mole Antonelliana e al cortile dell’Ateneo dell’Università di Torino. Info: 0118138561 - info@museocinema.it

TORINO. Gentileschi, due capolavori a confronto

  • Fino al 12 dicembre 2021 - Musei Reali

Nell’ambito dei progetti di collaborazione con musei italiani e stranieri, i Musei Reali ospitano al primo piano della Galleria Sabauda, l’opera di Orazio Gentileschi Santa Cecilia che suona la spinetta e un angelo, in prestito dalla Galleria Nazionale dell’Umbria di Perugia. L’evento offre una straordinaria opportunità di un confronto diretto con l’Annunciazione, capolavoro dello stesso artista, celebre seguace di Caravaggio, custodito dai Musei Reali.

LEGGI ANCHE: "Gentileschi: due capolavori a confronto" mostra dossier ai Musei Reali

TORINO. La tua prima volta a Torino

  • Ogni sabato fino al 25 dicembre 2021

Per chi visita per la prima volta la città, e per chi vuole scoprirne nuovi aspetti ogni sabato alle 10 guide torinesi DOC vi condurranno in una passeggiata nel centro storico, facendone rivivere la sua storia millenaria. Dalle imponenti Porte Palatine di epoca romana, passeremo attraverso vie, viuzze e piazze in cui sono visibili testimonianze di epoca medievale, proseguiremo il tour soffermandoci davanti a chiese di età barocca, entreremo in alcuni degli eleganti atri di palazzi nobiliari e residenze reali, spesso celebrati nel XVIII sec. nei diari di viaggio dei nobili provenienti da tutta Europa. Infine assaporeremo quell'atmosfera elegante e quel fermento culturale e innovativo che si respirava nei caffè storici ancora oggi aperti. Durata: 2 h Partenza garantita con 1 partecipante minimo. Prenotazioni possibili entro le ore 17 del venerdì. Appuntamento in Piazza Castello angolo via Garibaldi, davanti all'Ufficio del Turismo. Tutti i partecipanti dovranno indossare la mascherina. Le visite sono organizzate in collaborazione con Theatrum Sabaudie - Prenotazione: 011.5211788 - prenotazioni@arteintorino.com

TORINO. Cipro Crocevia delle Civiltà

  • Fino al 9 gennaio 2022. Musei Reali

Il fascino millenario di Cipro, cuore del Mediterraneo e ponte tra Oriente e Occidente, è protagonista della mostra internazionale Cipro. Crocevia delle civiltà, realizzata in collaborazione con l’Università degli Studi di Torino e curata da Luca Bombardieri, docente di Archeologia cipriota presso l’Ateneo torinese, ed Elisa Panero, curatrice delle collezioni archeologiche dei Musei Reali.

La mostra si delinea intorno alla più importante collezione cipriota italiana, quella dei Musei Reali di Torino, ad oggi largamente inedita, e sarà arricchita da prestiti unici per la prima volta in Italia provenienti da illustri istituzioni straniere, tra cui il British Museum di Londra, il Metropolitan Museum of Art di New York, il Fitzwilliam Museum di Cambridge, Medelhavsmuseet di Stoccolma, il Kunsthistorisches Museum di Vienna e il Cyprus Museum di Nicosia.

Le collezioni cipriote dei Musei Reali costituiscono un nucleo pressoché unico nel panorama dei grandi musei europei. Il Museo di Antichità di Torino conta infatti più di 1.000 reperti, frutto di donazioni avvenute a partire dal 1847 sotto il console del Regno di Sardegna Marcello Cerruti e, soprattutto, grazie agli scavi condotti da Luigi Palma di Cesnola, console americano sull’isola ma torinese di nascita e da suo fratello Alessandro. Tale raccolta è paragonabile per importanza scientifica e varietà alla grande collezione del Museo Egizio di Torino, di cui rappresenta un ideale contraltare mediterraneo.

Info: +39 01119560449; museireali.beniculturali.it; mr-to@beniculturali.it

TORINO. Effetto VR! Il cinema in virtual Reality

  • Fino al 31 dicembre 2021 Museo Nazionale del Cinema

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino presenta CineVR, la nuova area dedicata alla realtà virtuale. Realizzata in collaborazione con Rai Cinema - con l’obiettivo di rafforzare la divulgazione della cultura digitale, dell’innovazione e delle nuove tecnologie legate al cinema - sostituisce le aree dedicate al 3D e ad Amore&Morte, due delle tredici chapelle che circondavano l’Aula del Tempio, cuore del museo e della Mole Antonelliana.

CineVR è la prima sala cinematografica italiana permanente completamente dedicata al VR, con una programmazione giornaliera continuativa di otto ore che propone film ideati e concepiti con questa tecnica: una sala che accoglierà fino a 200 visitatori al giorno e che permetterà la visione di esperienze audiovisive immersive, lineari e interattive grazie a 6 visori di ultima generazione. Ogni mese vengono presentate nuove proiezioni e organizzati incontri con esperti e professionisti del settore: sulle 40 chaise longue dell’Aula del Tempio è possibile assistere, solo ed esclusivamente su prenotazione, alla preview dei film che dal giorno successivo verranno caricati sui visori, implementando la video-library in cui il pubblico potrà scegliere e prenotare le pellicole.

Info: +39 0118138560-561; museocinema.it; info@museocinema.it

COAZZE. Festa Rurale del Cevrin

  • Domenica 17 ottobre 2021

Torna la Festa Rurale del Cevrin, giunta alla ventesima edizione. L’inaugurazione è  in programma alle 10 di domenica 17 ottobre in piazza della Vittoria, con l’esibizione della Filarmonica e del gruppo majorettes di Coazze. Dalle 10 alle 19 lungo viale Italia ‘61 e nelle piazze della cittadina sarà possibile conoscere, degustare e acquistare i prodotti agroalimentari e gastronomici di qualità dei territori alpini, dal Cevrin alle patate di montagna, ma anche apprezzare lo street food e la ristorazione dedicati a quei prodotti. Non mancheranno le bancarelle con l’artigianato artistico, soprattutto quello del legno, della filatura e della tessitura. A partire dalle 10 nella sede dell’Ecomuseo dell’Alta Val Sangone si potrà visitare la mostra di acquerelli “I colori del Parco”, con le opere di Elio Giuliano e di Valentina Mangini. In piazza I Maggio, sempre a partire dalle 10, i bambini e i ragazzi potranno giocare, salire sulle giostre e sui gonfiabili e partecipare ai giochi e alle attività sportive, che spaziano dalla mountain bike allo skateboard. Gli esercenti presenteranno al pubblico le loro attività e i loro prodotti nell’iniziativa “Gusta Coazze” a partire dalle 11.

In piazza Gramsci la mostra “La filiera del latte e del formaggio” illustrerà al pubblico gli ingredienti e le combinazioni dei prodotti caseari. La sezione locale del Soccorso Alpino proporrà a partire dalle 14 in piazza Cordero di Pamparato la palestra di arrampicata. Alle 15 in viale Italia ‘61 i panettieri della Val Sangone che si fregiano della De.C.O. terranno il laboratorio “Il buon pane di Coazze”, mentre alle 15,30 è in programma un laboratorio di caseificazione a cura dell’Ente di gestione delle Aree Protette delle Alpi Cozie. La Corsa delle Rotoballe tornerà a divertire il pubblico alle 15,30 in piazza Cordero di Pamparato. L’attesa degustazione guidata dei formaggi d’alpeggio è in programma alle 16 in piazza Gramsci, a cura dell’ONAF, l’Organizzazione nazionale degli assaggiatori di formaggi. Si potrà prenotare la partecipazione sono alle 15 all’ufficio turistico comunale. La premiazione del concorso “Il banco più bello” è prevista alle 17 in piazza Cordero di Pamparato. Gli eventi finali della Festa sono in programma alle 17,30 e sono l’arrivo del gregge di capre di razza Camosciata delle Alpi di ritorno dagli alpeggi del Sellery e la premiazione della nona edizione del concorso Miss Ceura, organizzato dall’Associazione regionale allevatori.

5 foto Sfoglia la gallery

MONCALIERI. Fëra dij Subièt e sua maestà il bollito

  • Sabato 16 e domenica 17 ottobre 2021 - Borgo Navile

La Fëra ha una tradizione che risale addirittura al 1286, mentre le bancarelle fecero la loro comparsa nel 1865. La ripresa in grande stile delle tradizioni enogastronomiche e folkloristiche moncalieresi risale invece alla metà degli anni ’90 del secolo scorso.
Superata la fase più acuta dell’emergenza pandemica, sabato 16 a partire dalle 20 in piazza Caduti per la Libertà ritorna la cena con la bagna càuda, naturalmente su prenotazione e con esibizione del Green Pass. Il tutto in collaborazione con il Comitato Manifestazioni di Carignano e con la Coldiretti, per la fornitura delle verdure. Domenica 17 a partire dalle 9 sono visitabili le bancarelle artigianali e dei maestri dei subièt nelle vie San Martino e Matteotti, mentre alle 10 la Filarmonica di Moncalieri si esibisce ai piedi dell’arco di Borgo Navile, dove alle 11 è in programma la cerimonia ufficiale di apertura della Fëra dij Subièt e dell’evento Sua Maestà il Bollito. Dalle 11 alle 17 si può approfittare dell’apertura straordinaria del Museo dij Subièt di via Real Collegio 20, dove è anche allestita una mostra dell’artista Elisa Bona, che ha dedicato la sua creatività anche alla realizzazione di fischietti in ceramica e alla raccolta di una piccola collezione, che per l’occasione dona al museo. In Borgo Navile quest’anno non c’è il tradizionale pentolone, ma, su prenotazione, si può comunque pranzare con Sua Maestà il Bollito, in collaborazione con La Taverna di Frà Fiusch di Revigliasco e con lo chef Ugo Fontanone. L’esposizione delle bancarelle artigianali e dei maestri dei subièt si conclude alle 18 e, a partire dalle 20, si può ancora cenare in Borgo Navile con il bollito.

Per saperne di più si può contattare la Pro Loco Moncalieri al numero telefonico 011-6407428, all’indirizzo e-mail prolocomoncalieri@gmail.com o sulle pagine di Facebook e Instagram.

6 foto Sfoglia la gallery

RIVOLI. Espressioni. La proposizione. 

  • Fino al 7 novembre 2021 - Castello di Rivoli, Museo d'Arte Contemporanea

La mostra Espressioni. La proposizione presenta le opere di oltre cinquanta artisti di epoche storiche diverse, provenienti da più parti del mondo. Gli artisti condividono un interesse nei confronti di forme di arte particolarmente espressive, o addirittura espressioniste. Gli artisti spaziano dall’individualismo esasperato a manifestazioni di malinconia romantica sino a interpretazioni deformate del corpo e del quotidiano, quasi a significare la necessità di verificare la propria vitalità di fronte alle difficoltà del mondo. Il percorso espositivo che si snoda al primo e al terzo piano dell’edificio Castello, nonché nella Manica Lunga. In mostra sono presenti opere di pittura, scultura, video, performance, opere sonore, installazioni, fino a progetti basati sulla tecnologia della realtà virtuale. Prenotazione obbligatoria il sabato, la domenica e festivi, con almeno un giorno di anticipo. Info: +39 0119565222 - info@castellodirivoli.org

VENARIA REALE. Una Infinita Bellezza, il paesaggio in Italia dalla pittura romantica all'arte contemporanea. Mostra

  • Fino al 1° Novembre 2021

Alla Reggia di Venaria il 2021 è un anno Green, tutto dedicato al tema della tutela della Natura e della sostenibilità ambientale. Evento clou è la mostra “Una infinita bellezza. Il paesaggio in Italia dalla pittura romantica all’arte contemporanea”, aperta al pubblico dal 22 giugno al 1 novembre. Allestita nei grandiosi spazi della Citroniera Juvarriana, l’esposizione riunisce oltre 200 opere, in gran parte dipinti ma anche sculture, fotografie, video e installazioni che documentano l’attenzione e l’amore che tanti artisti hanno avuto per l’ambiente naturale e specificatamente per il paesaggio in Italia, dal primo romanticismo fino all’arte contemporanea.

Info: +39 0114992333 - lavenaria.it/it/mostre/infinita-bellezza; turismo@lavenariareale.it