Le richieste

Studenti in piazza: “Diritto allo studio sia garantito” e minacciano fuga da città e Regione

"Durante la pandemia sono state poche le tutele e quelle che sono state date non sono abbastanza".

Studenti in piazza: “Diritto allo studio sia garantito” e minacciano fuga da città e Regione
Torino, 30 Giugno 2020 ore 12:26

Si sono dati appuntamento in piazza Castello, a Torino, per il diritto allo studio. Il presidio è stato organizzato da Studenti Indipendenti, Alter.Polis e Borsisti Edisu. Gli studenti puntano il dito contro Regione Piemonte che “non avrebbe pensato loro neanche in piena pandemia Covid-19”.

Studenti in piazza

Spazi insufficienti, tutele per i fuori sede, maggiori garanzie e sussidi ma anche problemi economici legati alle borse di studio. Per avanzare queste richieste gli studenti si sono dati appuntamento oggi, in piazza Castello a Torino.

Le richieste

I giovani hanno pubblicato per mezzo dei loro canali social una lista di richieste:

“Durante la pandemia sono state poche le tutele e quelle che sono state date non sono abbastanza.
Vogliamo che venga garantito il diritto allo studio a tutte e tutti gli/le studenti.
🔹vogliamo la riduzione dei CFU necessari per accedere alle borse di studio,12 CFU per il primo anno e 18 CFU per il secondo anno.
🔹Vogliamo posti dove studiare e poterci confrontare con compagni/e di studio
🔹Vogliamo tutele per gli/le studenti fuori sede
🔹Vogliamo maggiori garanzie nelle residenze
🔹Vogliamo sussidi per le connessioni per i nostri esami e le lezioni future.
🔹Vogliamo garanzie sul prossimo anno accademico, sia rispetto alla didattica che alla tassazione”

Simulare la fuga dalla regione e dalla città

E ancora:
In piazza simuleremo la fuga degli e delle studenti dalla regione e dalla città!
Ecco cosa puoi portare: Valigie: Per far capire che se non ci sono garanzie ci sarà una fuga di studenti dalla regione, a causa dell’assenza di diritto allo studio. Vecchi biglietti di treni o pullman o aerei che hai usato per tornare a casa. Non possiamo più aspettare, vogliamo tutele e certezze! Scendi in piazza e fai sentire la tua voce, insieme possiamo fare la differenza!”.
Gli studenti non dimenticano però le regole vigenti e invitano chiunque partecipi a rispettarle:
“Mantieni almeno 1 metro di distanza dagli/dalle altri/e, porta la mascherina e dell’acqua!”.

Intervento della sindaca Appendino

Sul tema si è espressa, a mezzo social, anche la sindaca Appendino:
“Un provvedimento importante del governo. Sono tanti, anche nella nostra città, gli studenti fuori sede e le rispettive famiglie che si sono trovati in difficoltà a causa dell’emergenza”.

TORNA ALLA HOME
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità