IN 4 GIORNI 200 POSITIVI

Covid, dall’Unità di crisi una nuova strategia “differenziata” per la scuola in Piemonte

Si prenderanno misure diverse in base al ciclo scolastico e la quarantena in casa sarà attuata solo dagli istituti superiori.

Covid, dall’Unità di crisi una nuova strategia “differenziata” per la scuola in Piemonte
Torino, 06 Ottobre 2020 ore 18:13

I ragazzi quando sono a scuola sono su un’isola sicura, ma cosa succede quando escono e si aprono alle loro vite di relazioni? E’ proprio nel mondo dello sport, con gli amici, negli spazi d’aggregazione, che rischiano di più. E mettono a cascata a rischio anche i loro famigliari.

Un problema sociale, non della scuola

Per Antonio Rinaudo, che è il responsabile di questo settore all’Unità di Crisi, l’attenzione alla scuola dev’essere massima, ma bisogna capire che il problema, è un problema sociale. I casi aumentano e solo negli ultimi giorni, tra allievi e insegnanti, siamo arrivati a 200 positivi. Se non si tornerà al lockdown, bisognerà comunque prendere provvedimenti e un team di specialisti ha già individuato una strategia differenziata.

GUARDA L’INTERVISTA AL RESPONSABILE DEL SETTORE SCUOLA:


Due misure diverse a seconda del ciclo scolastico

Sì, perché nel caso di un positivo in classe ci saranno comportamenti diversi da seguire a seconda del ciclo scolastico.

Così, materne, elementari e medie faranno il tampone a tutti e gli studenti positivi verranno messi in isolamento attivo quindi potranno recarsi a scuola, ma non potranno fare attività extra fino al secondo test.

I ragazzi delle superiori, invece, faranno il tampone solo in caso di contatto stretto e in caso di positività staranno in quarantena a casa per un settimana, questo perché con loro le procedure di didattica a distanza sono attuabili con maggiore facilità.

 

LEGGI ANCHE:

Obbligo di mascherina davanti alle scuole in Piemonte dal 5 ottobre 2020

 

 

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità