buoni segnali

Veicoli commerciali, settembre conferma il trend positivo

Nei primi 9 mesi persi 30.000 veicoli, con un calo del 22%, ma ora stiamo assistendo ad un recupero con un +18,5%

Veicoli commerciali, settembre conferma il trend positivo
15 Ottobre 2020 ore 23:23

Veicoli commerciali, settembre conferma il trend positivo. Nel mese di settembre il mercato dei veicoli commerciali conferma il trend positivo in atto dai mesi estivi, come effetto rimbalzo di quanto perso nei mesi più difficili della crisi da Covid-19. Le stime elaborate e diffuse dal Centro Studi e Statistiche UNRAE, indicano 16.170 veicoli immatricolati. Un aumento del 18,5% rispetto ai 13.651 autocarri con ptt fino a 3,5t dello stesso periodo 2019, che aveva fatto registrare già un incremento a doppia cifra. A chiusura dei primi 9 mesi la flessione ancora forte indica un calo del 22% con una perdita di circa 30.000 unità. E 105.120 immatricolazioni che si confrontano con le 134.795 del gennaio-settembre dello scorso anno.

Veicoli commerciali, prosegue il recupero

L’analisi della struttura del mercato dei primi 8 mesi (con dati ancora suscettibili di leggeri aggiustamenti nei prossimi due mesi, a causa dei ritardi di immatricolazione) conferma flessioni consistenti per tutti i canali di vendita. I privati flettono del 19,4%, su un mercato totale che cala del 26,7%, recuperando due punti di quota, al 23,4%. Le società segnano un calo del 27,6% con una quota che si contrae di circa mezzo punto, al 47,8% del totale. Mentre il noleggio segna la performance peggiore con una riduzione in volume del 30,3% e una rappresentatività che scende al 28,8% (-1,5 p.p.). Calo più pesante per il breve termine (-42,5%), ma in forte contrazione anche il lungo termine (-28,3%), la parte più significativa del noleggio degli autocarri, e le autoimmatricolazioni uso noleggio effettuate da Concessionari e Case auto che registrano un -25,8%.

Il dettaglio delle alimentazioni

Sotto il profilo delle alimentazioni, pesanti perdite a doppia cifra interessano tutte le motorizzazioni tradizionali, il gpl, il metano e i veicoli elettrici. Il motore a benzina negli 8 mesi perde il 40,4% e si ferma al 3,6% del totale. Il diesel cala del 26,5%, risalendo all’89,2% di quota. Il Gpl cede il 70,3% dei volumi (sotto la soglia dell’1% di quota), il metano cala del 33,8%, al 3,2% di rappresentatività. I veicoli elettrici con una flessione del 28%, allineata al mercato totale, si confermano allo 0,6% di quota. Mentre crescono i veicoli ibridi che raggiungono il 2,5% di rappresentatività sul mercato. Crescono, infine, dell’1% le emissioni medie di CO2 dei veicoli con ptt fino a 3,5t che nei primi 8 mesi dell’anno raggiungono i 164,4 g/km rispetto ai 162,6 del gennaio-agosto dello scorso anno.

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità