Idee & Consigli

Il mercato italiano del noleggio di piattaforme aeree, statistiche ed evoluzione

Il mercato italiano del noleggio di piattaforme aeree, statistiche ed evoluzione
Idee & Consigli 24 Ottobre 2022 ore 16:37

Il noleggio di macchinari e attrezzature si sta sempre di più diffondendo nel nostro Paese ed i principali comparti in cui se ne fa ricorso sono edilizia ed industria; contestualmente i settori merceologici più noleggiati sono movimento terra e sollevamento.

Proprio quest’ultimo è oggetto di una fortissima evoluzione che fa delle piattaforme aeree le macchine più noleggiate in tutto il territorio.

Una recente statistica ha evidenziato come oltre il 70% delle piattaforme aeree vendute in Italia entrino a far parte dei parchi macchine delle aziende di noleggio.

L’utilizzatore finale tende quindi a non acquistare più questo genere di macchinari ma a ricorrere al noleggio di piattaforme aeree per poter disporre del modello più adatto al lavoro che deve effettuare.

Tutte le piattaforme hanno infatti lo scopo di sollevare le persone e le loro attrezzature in quota per svolgere determinate operazioni ma ognuna ha caratteristiche proprie che ne determinano un utilizzo specifico.

La categoria delle piattaforme aeree si compone principalmente di quattro tipologie di macchinari.

La piattaforma autocarrata, composta da un autocarro gommato e da un braccio articolato o telescopico, è una macchina piuttosto particolare poiché può circolare su strada essendo targata.

Questa piattaforma può quindi essere guidata fino al luogo di lavoro con la semplice patente B dato che la maggior parte dei modelli ha massa inferiore ai 35 quintali. Esistono però alcuni modelli che superano questo limite e necessitano di patente C.

La patente è necessaria per guidare la piattaforma su strada ma per poterla manovrare è necessario che l’operatore sia in possesso dell’apposita abilitazione richiesta dalla normativa.

Il possesso dell’abilitazione è una condizione necessaria per la manovra di ogni tipo di piattaforma, mentre la patente riguarda solamente le autocarrate.

Le altre tre tipologie di piattaforma aerea infatti non sono targate e non possono circolare liberamente su strada.

La prima di esse è la piattaforma semovente articolata che si compone di un carro gommato senza cabina su cui è installato un braccio articolato con la cesta all'estremità. Il carro presenta dimensioni compatte ed è in grado così di aggirare ostacoli a terra mentre il braccio articolato consente di evitarne in altezza.

La piattaforma cingolata, conosciuta anche come ragno, è invece una macchina formata da un carro cingolato su cui è installato un braccio articolato.

Questa sua particolare conformazione consente alla macchina di passare anche attraverso le comuni porte di casa ma di muoversi piuttosto agevolmente anche su terreni sconnessi grazie ai cingoli. Una volta raggiunto il posto di lavoro la macchina acquisisce equilibrio grazie ai quattro stabilizzatori che le conferiscono l’aspetto di un vero e proprio ragno.

Chiude la gamma la piattaforma verticale, detta anche scissor o piattaforma a pantografo. Grazie ad una serie di segmenti metallici l’ampia cesta può sollevarsi in verticale, caratteristiche che la differenzia dai modelli descritti in precedenza. La piattaforma verticale non può infatti sbracciare ma la rendono una macchina unica per lavorare in altezza in spazi in cui non serve, o non è possibile per mancanza di spazio, lo sbraccio.

Il cliente ha compreso che ogni tipologia di piattaforma, anche in base all’alimentazione che può essere diesel o elettrica, ha il proprio utilizzo specifico. Proprio per questo si affida sempre più spesso al noleggio di queste macchine, potendo avvalersi della consulenza mirata e qualificata di un esperto del settore.

È importante considerare che l’utilizzatore finale conosce bene i rischi di operare in quota con le piattaforme aeree e ciò avvalora la sua scelta di ricorrere al noleggio.

Il noleggiatore effettua infatti molti più controlli e ispezioni di quelli previsti dalla normativa, basata sul manuale d’uso e su una serie di verifiche periodiche, al fine di mantenere la piattaforma più efficiente e sicura possibile per il cliente.

Un interessante trend a cui si sta assistendo è quello che riguarda il noleggio online. Il mercato sta vivendo infatti un periodo di continua e rapida evoluzione in cui la digitalizzazione gioca un ruolo primario.

Sempre più spesso i clienti decidono di noleggiare macchinari direttamente online poiché in pochi click potranno individuare la piattaforma più adatta alle loro esigenze, prenotarla per il periodo in cui lo desiderano e scegliere se farla ritirare in cantiere oppure ritirarla presso il centro noleggio.

Così facendo il cliente porta a termine l’intero processo di noleggio, avendo la garanzia di essere servito da un noleggiatore professionale che lo potrà supportare durante tutto il periodo di noleggio.

Pur con i cambiamenti che stanno segnando l’ultimo periodo il noleggio italiano sta vivendo anni di espansione ed il settore delle piattaforme aeree è quello che più di tutti sta registrando numeri positivi.

Seguici sui nostri canali