Idee & Consigli

Ecodoppler: come si svolge e come prepararsi

Ecodoppler: come si svolge e come prepararsi
Idee & Consigli 20 Ottobre 2022 ore 07:31

L'ecodoppler è un esame che permette di studiare i vasi sanguigni arteriosi e venosi, per valutarne la morfologia e per controllarne il flusso. Vediamo insieme come si svolge e come prepararsi ad una metodica di indagine che non è invasiva ed è del tutto indolore. L'esame non ha nessuna controindicazione e dura all'incirca 20 minuti.

Fare un ecodoppler a Torino: lo Studio SUM

Prenotare un ecodoppler a Torino è semplice e veloce. Lo Studio di Ultrasonografia Medica SUM, in attività dal 1994, è specializzato in esami ultrasonografici e in particolare ecocardiografie, ecocardiografie doppler, ecocolordoppler ai vasi del collo, ai vasi epiaortici o tronchi sovra-aortici, alle arterie e alle vene degli arti superiori ed inferiori, al sistema arterioso addominale e ai vasi spermatici.

Per gli ecodoppler e per la diagnostica vascolare il responsabile è il Dottor Claudio Rabbia, responsabile anche del Dipartimento di Patologia Vascolare di Humanitas Torino e consulente di Diagnostica Ultrasonografica Vascolare del Gruppo C.D.C. di Torino 

Al poliambulatorio medico specialistico di via Benvenuto Cellini a Torino, puoi effettuare anche visite specialistiche di cardiologia, ematologia, medicina interna, diabetologia e malattie del metabolismo, endocrinologia, gastroenterologia, pediatria e puoi avvalerti anche dell'esperienza di una biologa nutrizionista, di una esperta in dietetica e nutrizione clinica e di una osteopata.

Lo studio SUM ha attivato diverse convenzioni con le più importanti assicurazioni mediche. Puoi effettuare qualsiasi prenotazione online, compilando il modulo di contatto e verrai ricontattato per fissare un appuntamento sia per gli esami che per le visite. 

Preparazione e svolgimento dell'ecodoppler 

Per eseguire l'ecodoppler, il paziente dovrà stendersi sul lettino e scoprire la parte del corpo da esaminare. Il medico applicherà un gel che assicura la trasmissione degli ultrasuoni e farà passare una sonda sulla cute della zona da analizzare. Le immagini appariranno quindi sullo schermo e saranno utili a formulare la diagnosi. 

Gli esami ecodoppler si basano, come l'ecografia, sull'impiego degli ultrasuoni a scopo diagnostico. L'ecodoppler funziona come una ecografia, con la differenza che possiamo studiare il flusso del sangue e quindi vedere le caratteristiche di flusso dei vasi sanguigni del circolo arterioso e venoso e la vascolarizzazione di organi e apparati.

La scoperta dell'effetto Doppler

Scopriamo insieme le differenze tra ecodoppler, ecocolordoppler ed ecografia partendo dal significato di "effetto Doppler".

L' effetto Doppler, la scoperta del millennio, si deve a Christian Andreas Doppler, fisico e matematico austriaco nato nel 1803. E' definito come "L'apparente variazione di frequenza delle onde emesse da una sorgente in moto rispetto a un osservatore: la frequenza aumenta se sorgente e osservatore si avvicinano, mentre diminuisce in caso di allontanamento". (Enciclopedia Treccani)

Christian Andreas Doppler, inizialmente ipotizzò che l'effetto si applicasse a tutti i tipi di onde e lo descrisse così nel suo libro più famoso:

 "Il colore e l’intensità di una sensazione luminosa o l’altezza e la forza di un qualsiasi suono dipendono da questi parametri puramente relativi, non tanto dai valori assoluti".

Successivamente si scoprirà che l'effetto Doppler è valido solo per le onde che si propagano in un mezzo di propagazione, ovvero le onde sonore.

L'impiego di onde sonore quindi, è alla base di questi esami: gli ultrasuoni sono trasmessi tramite una sonda che viene appoggiata sulla parte da esaminare e che è tenuta a diretto contatto con la cute del paziente grazie a un apposito gel (che ha la funzione di elimina l'aria interposta tra sonda e cute del paziente, permettendo agli ultrasuoni di penetrare nel segmento anatomico esaminato); la medesima sonda raccoglie poi il segnale di ritorno, che è elaborato da un computer e presentato come immagine sul monitor. 

L’applicazione più diffusa e più nota degli ultrasuoni in medicina è proprio l’ecografia diagnostica. La combinazione di alta frequenza (che ne limita la propagazione in aria) e limitata intensità rende questa metodica priva di rischi per gli operatori che la eseguono ed estremamente sicura e affidabile anche per le persone che vi si sottopongono. È una delle tecniche diagnostiche più diffuse.

L'ecodoppler è un tipo particolare di ecografia che sfrutta l’effetto Doppler. L’ecocolordoppler in più aggiunge anche la colorazione delle immagini, integrando l’immagine classica in bianco e nero: il colore rosso è per i flussi in avvicinamento alla sonda e il colore blu è per quelli in allontanamento.

L’ecocolordoppler è un esame assolutamente sicuro e non invasivo; infatti grazie all’utilizzo degli ultrasuoni non vi è emissione di alcun tipo di radiazione ionizzante ed  molto utile nella prevenzione delle malattie cardiache e vascolari come l’ictus e l’infarto.

Le malattie cardiovascolari rappresentano purtroppo la prima causa di morte nel nostro Paese e per questo non andrebbero mai trascurati i sintomi. Un'attività fisica regolare è consigliabile fin da quando si è bambini, e quindi è importante capire quale è lo sport più adatto a nostro figlio seguendo le diverse inclinazioni. L'attività fisica regolare rende il cuore più robusto e rende la circolazione più efficiente.

Seguici sui nostri canali