"Ho perso tutto"

Instagram cancella il profilo contro l’omofobia dell’aronese Martina Tammaro

La scorsa settimana avevamo raccontato la sua lotta contro gli haters che insultano costantemente lei e la sua fidanzata Erika Mattina

Instagram cancella il profilo contro l’omofobia dell’aronese Martina Tammaro
01 Giugno 2020 ore 10:20

“Oggi mi sveglio così: instagram ha rimosso il mio profilo personale, in maniera definitiva”.

Instagram cancella il profilo di Martina

Non c’è pace per la giovane aronese Martina Tammaro. La scorsa settimana avevamo raccontato la sua lotta contro gli haters che insultano costantemente lei e la sua fidanzata Erika Mattina LEGGI QUI.
Domenica la brutta sorpresa raccontata con uno sfogo su facebook.

Le parole della giovane

“Non ho nemmeno la possibilità di sapere che linea guida io abbia vìolato, secondo loro.
Il mio account instagram esisteva da 6 anni. Aveva 1000 post. Molte delle foto che avevo lì, le ho perse per sempre. Così come i messaggi. Tantissimi erano sul mio libro.
Per non parlare di tutti i messaggi a cui ancora dovevo rispondere. Per la battaglia che sto portando avanti, cancellarmi gli account social è come mettermi un albero fra le ruote, non un bastone.
Io non ho parole. Non ci credo che, ogni giorno, io veda contenuti sui social alquanto terribili. Dal porno, con annessi video di rapporti completi (che io stessa ho segnalato più volte), alla violenza.
E poi viene eliminato il mio account. Che non faceva nulla di male. Senza che mi venga detto il perché e senza che venga contemplato un errore da parte loro.
Senza che mi venga spiegato quale norma io abbia vìolato (se veramente è successo!), così da permettere che io non rifaccia lo stesso errore in futuro, con un nuovo account. Grazie, Instagram”.

La ragazza non si è però persa d’animo

“Ho dovuto fare un nuovo profilo Instagram.
Il nome è @_martinatammaro.
Chi volesse aiutarmi a riprendere in mano quello che stavo portando avanti con l’altro profilo, mi segua qui”.

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità