Grugliasco

Poche commesse per l'automotive: cassa integrazione per Maserati e Comau

I sindacati chiedono l'intervento di Draghi.

Poche commesse per l'automotive: cassa integrazione per Maserati e Comau
Economia Torino, 24 Aprile 2021 ore 09:57

Nove settimane di cassa integrazione tra maggio e giugno 2021 per Comau, azienda di robotica e automazione industriale del gruppo Stellantis, con sede a Grugliasco, nel Torinese. Medesimo copione anche per la sede Maserati di Grugliasco, che prolunga la cassa. 

Cassa integrazione per Comau e Maserati di Grugliasco

Due spie di un malessere importante per il tessuto produttivo torinese, ma in generale del Paese. Fiom Torino dopo l'incontro tra le Rsa di tutte le organizzazioni e la direzione Comau rende noto:

"L'azienda ha motivato il ricorso alla cassa integrazione con l'annullamento di commesse automotive soprattutto da parte di Stellantis, mentre non sono state fornite informazioni sul futuro delle produzioni poiché i progetti sono ancora allo studio. A Grugliasco i lavoratori Comau sono 900".

Evidente la preoccupazione per il futuro dei lavoratori Comau, conosciuta come la 'fabbrica che costruiva le fabbriche'. Basti pensare che le linee robotizzate di tutti gli stabilimenti italiani dell'auto, a partire da Melfi, sono state progettate e industrializzate da Comau.

Preoccupazione anche per Maserati

Prolunga la cassa anche la Maserati di Grugliasco: dal 28 aprile al 30 maggio: altre quattro settimane e mezzo di ammortizzatore sociale. Anche in questo caso il tema riguarda l'importante calo di commesse. I sindacati invocano l'intervento del Governo per far fronte a una crisi che necessita un ripensamento alla base del settore.