La Loggia

Mahle cambia proprietà: l’accordo che salva 349 lavoratori

I 349 lavoratori della Mahle verranno ceduti a Imr Group, azienda lombarda che opera nel settore della gommaplastica.

Mahle cambia proprietà: l’accordo che salva 349 lavoratori
Economia Moncalieri, 30 Luglio 2020 ore 11:49

I 349 lavoratori della Mahle impiegati negli impianti di La Loggia e Saluzzo vedranno salvato il loro posto grazie a un accordo con la lombarda Imr Group.

Lavoratori Mahle: l’accordo con l’azienda lombarda

I 349 lavoratori della Mahle verranno ceduti a Imr Group, azienda lombarda – con sede a Carate Brianza – che opera nel settore della gommaplastica, già presente in Piemonte con uno stabilimento a Mondovì. Ha un fatturato di 330 milioni di euro e circa 2200 dipendenti, ed è attiva nel settore della gommaplastica con clienti come Fca, Volvo, Maserati, Ferrari, Bentley, Psa e Lamborghini. L’accordo è stato raggiunto durante l’incontro in videoconferenza all’assessorato regionale al Lavoro, a Torino, cui hanno preso parte i vertici delle due aziende, i rappresentanti sindacali, i funzionari regionali, quelli del Mise e Confindustria Cuneo.

Divisione dei lavoratori

Attualmente i dipendenti Mahle sono 349 (a ottobre 2019 erano 453), di cui 25 resteranno in carico all’azienda tedesca e si occuperanno di marketing nel mercato italiano. Per altri 50 è previsto il ricorso alla mobilità volontaria. Per la reindustrializzazione IMR chiederà una cassa integrazione straordinaria per riorganizzazione di 24 mesi, durante la quale verrà effettuata un’opera di formazione del personale che dovrà apprendere le nuove mansioni. L’obiettivo dichiarato è quello, sempre nei due anni, di occupare circa 270 persone. La chiusura formale dell’accordo è schedulata per ottobre.

I motivi della chiusura

L’autunno scorso la Mahle aveva reso noto di voler chiudere gli stabilimenti di Saluzzo e La Loggia perché operanti in un mercato “non più competitivo”, ovvero quello della produzione di pistoni per il mondo diesel. Da quel momento è iniziato il braccio di ferro tra sindacati e azienda per cercare di salvare centinaia di posti di lavoro. Successivamente è intervenuto anche il Mise. Soddisfazione per l’accordo espressa anche dal presidente Alberto Cirio che si complimenta con l’assessore regionale al Lavoro, Elena Chiorino per la mediazione svolta.

LEGGI ANCHE: Mamma ottantenne mostra orgogliosa ai poliziotti le piantine di luppolo del figlio: ma era marijuana

Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità