Economia
Economia

L’esodo da Stellantis: firmato l’accordo per 390 uscite a fronte di 130 assunzioni

Si tratta di lavoratori a cui mancano meno di cinque anni alla pensione.

L’esodo da Stellantis: firmato l’accordo per 390 uscite a fronte di 130 assunzioni
Economia Torino, 23 Settembre 2021 ore 18:07

L’esodo da Stellantis: firmato l’accordo per 390 uscite a fronte di 130 assunzioni. Si tratta di lavoratori a cui mancano meno di cinque anni alla pensione.

L’esodo da Stellantis: 390 uscite a fronte di 130 assunzioni

Sono 12mila i dipendenti che Stellantis lascerà a casa, da qui a tre anni, al netto anche delle nuove assunzioni che serviranno per il corso green o elettrico del gruppo, soprattutto per quanto concerne Fca, l’ex Fiat.

I primi passi della riduzione di organico erano stati mossi a luglio, con gli accordi per gli stabilimenti di Grugliasco e di Mirafiori: si trattava di qualcosa come ottocento lavoratori accompagnati alla pensione. Ora tocca invece a coloro che vengono definiti come "non produttivi", ossia quelli che stanno negli uffici centrali di Mirafiori e in Comau. Quindi impiegati amministrativi, finanziari e settore ricerca.

Ieri, come riporta Cronaca Qui, è stato firmato l’accordo tra l’azienda, il ministero del Lavoro e tutti i sindacati ossia Fim, Fiom, Uilm, Fismic, Uglm e Associazione Quadri, per gli esodi lavoratori. Si tratta di 390 lavoratori ai quali mancano meno di cinque anni alla pensione. A tutti, sarà corrisposto un assegno mensile di importo uguale alla pensione già maturata. E l’uscita dovrà avvenire entro il 30 novembre.

130 assunzioni

A fronte delle uscite, come già per gli altri accordi, Stellantis ha pronto un piano di assunzioni secondo la regola ormai collaudata di un ingresso ogni tre uscite: quindi escono 390 entrano 130. Si tratterà sicuramente di personale più giovane, con formazione specifica sui nuovi temi della sfida industriale. Per i lavoratori che restano invece vi sarà un progetto di formazione e aggiornamento professionale, che sarà coperto con i fondi per la cassa integrazione.